Stemmario fotografico


Alcune immagini araldiche segusine
Giugno 2012



Facciata della Pretura
affresco databile agli inizi del 1300

Tutte le informazioni che seguono sono tratte dall'articolo di
Luisa Clotilde Gentile
Dalla Corte al patriziato urbano: l'araldica come proiezione di rapporti politici
nella pittura segusina del Trecento

Bollettino del Centro Studi Piemontesi di marzo 2001, vol. XXX fasc.1.

Altre indicazioni addizionali sono tratte dal recente volume Riti ed Emblemi, processi di rappresentazione del potere principesco in area subalpina, sempre di Luisa Clotilde Gentile, Zamorani Editore, Torino, 2008.


dall'alto in basso e da sinistra a destra
Fila I
I 1 (scudo mancante)
I 2 (scudo mancante)
I 3 il conte di Savoia
[Amedeo V]
Di rosso alla croce d'argento
I 4 non identificato Losangato d'oro e d'azzurro (?)
I 5 l'erede del conte di Savoia
[Edoardo o Aimone]
Di rosso alla croce d'argento, con un lambello di cinque pendenti, d'azzurro
I 6 non identificato Partito d'argento e di rosso, con un'aquila attraversante partita d'azzurro e d'argento
oppure
Partito, al 1° d'argento alla mezz'aquila di azzurro, al 2° di rosso alla mezz'aquila d'argento, entrambe moventi dalla partizione
I 7 (scudo mancante)

Fila II
II 1 (scudo mancante)
II 2 (scudo mancante)
II 3 il conte di Ginevra
[probabilmente Amedeo III]
Cinque punti d'oro equipollenti a quattro d'azzurro
II 4 Ludovico II di Savoia
signore di Vaud
Di rosso alla croce d'argento, con un filetto composto d'azzurro e d'oro attraversante in banda
II 5 Bertrandi
[forse Bertrando, arcivescovo di Tarantasia]
D'oro, al leone di nero
II 6 non identificato D'argento (?), inferriato di [..], con un volo di nero attraversante
II 7 un cadetto di Borgogna
[forse Roberto, conte di Tonnerre]
Bandato d'azzurro e d'oro, alla bordura scanalata di rosso

Fila III
III 1 (scudo mancante)
III 2 (scudo mancante)
III 3 non identificato Inquartato di rosso e d'argento o d'oro
III 4 non identificato (parzialmente cancellato) [..] con un filetto di rosso, attraversante in banda
III 5 un cadetto di Miolans
[forse Antelmo, castellano di Avigliana]
Bandato d'argento o d'oro e di rosso, di otto pezzi, con un lambello di cinque pendenti di [..]
III 6 non identificato Di rosso alla croce d'argento (Savoia moderna?), caricato in cuore da uno scudetto d'oro, all'aquila di nero, beccata e membrata di rosso (Savoia antica?)
III 7 non identificato (forse parzialmente cancellato) D'oro, allo scaglione di rosso (?)

Fila IV
IV 1 (scudo mancante)
IV 2 Barralis
[forse Enrico, abate di San Giusto]
Di rosso, a tre gemelle d'argento poste in banda
IV 3 un cadetto di Seyssel
[forse Aymar, signore de la Bâtie]
Grembiato d'azzurro e d'oro, caricato in cuore da uno scudetto di rosso
IV 4 Ferrandi o Bartolomei Scaccato d'argento o d'oro e di rosso
IV 5 Acquabianca Di rosso, all'aquila d'argento
IV 6 non identificato Partito, al 1° d'oro, alla mezz'aquila di nero, membrata e beccata di rosso, movente dalla partizione, al 2° d'argento al capo di rosso
IV 7 Aschieri Fasciato d'argento e di nero


I 3I 4

I 5I 6

II 3II 4

II 5II 6

II 7

III 3III 4

III 5

III 6III 7

IV 2IV 3

IV 4IV 5

IV 6IV 7


Cattedrale di San Giusto


stemma di Guglielmo d'Estouteville
vescovo di Susa e di Moriana
cardinale
Inquartato, al 1° burellato d’argento e di rosso, al leone di nero, lampassato d'oro, attraversante (Estouteville), al 2° e 3° di rosso, a due fasce d'oro (Harcourt), sul tutto di Borbone

[Il burellato dei d'Estouteville è normalmente d'argento e di rosso; qui a Susa è invece di rosso e d'argento]


San Francesco



probabile impresa dei Cacherano
(borsa sorretta da fettuccie)
Partito di Cacherano
e di Saluzzo
impresa di Ugonino di Cardè
(frusta a due corde, trottola e motto AVANT)

Le armi Cacherano e Saluzzo si riferiscono agli sposi
Bartolomeo Cacherano di Bricherasio e Giovanna Saluzzo di Cardè

[Luisa Gentile, Insegne araldiche in San Francesco: questioni aperte, in "San Francesco ritrovato: studi e restauri per il complesso francescano di Susa", Torino, Clueb 2008, pagg. 123-130]



Nella cappella di sinistra e sul muro esterno in corrispondenza della stessa compaiono alcune immagini di uno stemma palato d'oro e di rosso, che al momento nessuno degli studiosi ha saputo attribuire. All'interno della chiesa questa arma sconosciuta si accompagna all'arma Savoia, presente quasi certamente solo per omaggio.






Stemmario fotografico - pagina seguente

Stemmario fotografico - pagina precedente


al Blasonario


Ultimo aggiornamento 19 Giugno 2012
Creato e mantenuto da Federico Bona
Copyright © 1999-2014 Federico Bona