Blasonario sabaudo transalpino

Armorial du Duché de Savoie



Le principali fonti dei blasoni

Armorial et Nobiliaire de l'ancien Duché de Savoie di De ForasSDF
Armorial du Duché de Savoie, dressé pour le Marquis Costa de Beauregard
(estratto dal cosiddetto Armoriale Laiolo)
SCB
Armorial du Chablais, par John BaudCJB
Armorial historique du canton du Vallais, par M.J.E. d'AngrevilleVAN
Armorial historique genevois, par J.B.G. Galiffe et A. de MandrotGGM
Armorial historique du canton de Vaud, par A. de MandrotVMA
Histoire de la Bresse et du Bugey di Guichenon BBG
Armerista delle famiglie nobili e titolate della monarchia di Savoia di A. Franchi-Verney FVE



P - R


Pache
(di Morges)
 
     
  D'oro, alla palizzata di cinque pali, di rosso, con la bordura d'azzurro, carica di otto besanti d'oro
[VMA]


Pacoret
(da Chambéry)
  conti di Saint Bon
     
  D'azzurro, al leone d'argento, con il capo dello stesso, carico di tre stelle di rosso, in fascia
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con il capo d'argento, carico di tre stelle di rosso, male ordinate
[arma portata da alcune linee della famiglia]

Pacthod
(dal Genevese)
  conti
     
  Troncato, al 1° d'oro, alla torre di nero, mattonata d'argento, aperta del campo, al 2° d'azzurro, a tre crescenti d'oro, 2, 1

Paërnat
(Paiernat, Paiernact, Pernat)
(dal Vallese)
  signori di Beauregard, Chaney, La Pallud, La Tour de Vial, Verdun; consignori di Jarsagne
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro rovesciato, carico di sette rombi di rosso

Paillard   vedi Urfé

Palézieux (de)
(del Paese di Vaud)
  signori di Pailly, Palézieux
     
  Troncato, d'oro, al leone nascente di rosso, e di nero
[VMA e Rietstap: per quest'ultimo può anche trattarsi di un capo]
     
  Troncato, di rosso, al leone d'oro nascente, e d'oro
[Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz, 1929]

Palézieux (de)
detti Falconnet
(di Vevey)
 
     
  Troncato, al 1° d'oro, alla lettera A maiuscola, all'antica, d'azzurro, al 2° d'argento, al colle di tre cime di verde, muovente dalla punta
[VMA. Per Rietstap la lettera A è di nero]
     
  Inquartato, al 1° e 4° troncato, di rosso, al leone d'oro nascente, e d'oro, al 2° e 3° d'oro, al colle di tre cime di verde, sostenente un posatoio per uccelli, con scala, d'azzurro
[Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz, 1929]

Pallud
(de la)

(della Bressa)
  conti di Varax; visconti di Salins; signori di Cluses, Monthoux, La Pallud, Rochefort, St. Genix, Varembon; consignori di Avressieux
     
  Di rosso, alla croce d'ermellino
     
4 motto: MOURIR PLUSTOST QUE SE SOUILLIER

Pallud
(de la)
(di Sant Pierre d'Albigny)
  signori di La Baytaz, Macognin, La Pallud
     
  Partito d'oro e d'azzurro, alla fascia di rosso, carica di tre rose d'argento
     
  Partito d'azzurro e d'oro, alla fascia di rosso, carica di tre rose d'argento
     
  D'azzurro, a tre rose d'argento
     
  D'azzurro, a tre rose d'argento, 2, 1
[GGM e VMA]

Palluel
(Paluel)
(della Moriana)
  (famiglia nobile con memorie dal XIV secolo)

(consignori di Chamousset?)

     
  ARMA IGNOTA
     
  Di [...], a tre pali di [...], con il capo di [...], carico di un'aquila sorante, con il volo abbassato
[sigilli di Georges Palluel, 1406-1408]

Paluat   signori di Jalamonde, La Sardière
     
  D'oro, a tre garofani di rosso, gambuti di verde
[in BBG, ripreso da FVE, si tratta di una pianta di garofano di tre rami]
     
    motto: ANIMUS ET PRUDENTIA

Papaz
(del Chiablese)
  (famiglia con memorie dal XV secolo)
     
  Di rosso, a tre fasce d'oro, vestito dello stesso, carico di quattro fiamme, del primo
[CJB]

Paquellet
(di Annecy)
  baroni di Saint-Eustache; signori di Moyron, Noyret; consignori di Ville
     
  Di nero, allo scaglione d'argento
     
  Di nero, al leone d'argento

Paquellet
du Mollard
(Pasquellet, Pasqualet)
(della Moriana)
  signori di Mollard, La Régimondière
     
  ARMA IGNOTA

Parpillon (de)
(dal Bugey)
 
     
  Di rosso, a tre farfalle d'argento, occhiute di nero, 2, 1

Parpillon (de)
(da Seyssel)
  (non è esclusa una discendenza di questa famiglia dalla precedente)

signori di La Chapelle, Parpillon; consignori di La Griffonière, Pirajoux, La Tour du Déau

     
  Di rosso, alla colomba d'argento, membrata di nero, tenente nel becco un ramo di ulivo di verde; con il capo d'oro carico di un tortello d'azzurro a tre gigli d'oro, accostato da due altri tortelli, di rosso

Parra
d'Andert
  signori di Andert
     
  D'azzurro, all'ancora d'oro

Partenay (de)   signori di Berny, Faucourt, Pommeroy, Septoutre
     
  Di rosso, allo scaglione d'argento, accompagnato da tre bisanti, d'oro
[BBG e SCB]

Parvex
(dal Vallese, in Chiablese)
 
     
  D'azzurro, al muro d'argento, mattonato di nero, sostenente due pioppi di verde, ai lati di una colomba volante, d'argento
[CJB]

Passaquin
(Passaquey)
(del Faucigny)
  (famiglia con memorie dal XV secolo)
     
  Di rosso, alla fascia d'oro, carica di due stelle del campo, accompagnata da tre stelle in capo, una in punta, il tutto d'oro
[CJB]

Passerat
(dal Faucigny)
  marchesi di Verel (1718 ?); conti di Dulin; baroni di Troches; signori di Barre, La Bridoire, Douvaine, Grignon, Hauteville, Manigod, Murs; consignori di Colliette
     
  D'azzurro, alla fascia di argento, carica di un leone di rosso illeopardito, e accompagnata in capo da due voli, in punta da una stella, il tutto d'oro
     
  Di rosso, alla fascia di argento, carica di un leone di nero, illeopardito, e accompagnata in capo da due voli, d'argento, in punta da una stella, d'oro
[SCB]
     
  (Passerat Roero San Severino)
     
  (Tredicini Passerat Roero San Severino)
Inquartato, al 1° di verde, al castello d'argento, con il capo d'oro, carico di un'aquila di nero, allumata d'argento, nascente; al 2° di rosso, alla fascia di argento, carica di un leone di nero, illeopardito e accompagnato in capo, da due voli di argento, in punta da una stella d'oro; al 3° partito: a) di rosso a tre ruote d'argento, b) d'argento alla fascia di rosso; al 4° d'argento, a due fascie d'azzurro, ciascuna sormontata da quattro stelle di rosso, ordinate in fascia, le fascie caricate di cinque stelle d'argento, 3, 2
[Manno]
     
    motto: UTERIUS VIRTUS

Passier
(dalla Moriana)
  conti di St. Remy; signori di Cordon, èvieu, Landonières, Pluvy, Rougemont
     
  D'azzurro, al decusse d'oro, accantonato in palo da due stelle e in fascia da due losanghe, il tutto del secondo

Pavy (de)
de Thoiry
  signori di Les Molettes, Thoiry
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, accompagnata da tre stelle, in capo, e da un crescente tra due speronelle, in punta, il tutto disposto in cinta, d'oro
     
    motto: LEGATUS FIDELIS SANITAS (sic)

Pavy (de)
(da Chambéry)
  (signori di Saint Michel des Deserts?)
     
  (forse)
D'azzurro, alla banda d'oro, con il capo dentato di cinque punte, d'argento
[SDF, con qualche dubbio]

Peillex
(di Bernex, Chiablese)
 
     
  Tagliato cuneato, d'ermellino e di rosso, al volo d'oro
[CJB]

Pelapussins (de)   signori di Grandval, Montrachier, Pelapussins
     
  Di rosso, al giglio d'oro

Pelard (Pellard)
(del Genevese)
  signori di La Biolle, Chapeiry, épagny, Ferrières, Noyret, Planchamp, Prière, Serraval, Seynod, Ternier, Vigéry; consignori di Châteauvieux de Duing, la Val de Clets
     
  D'azzurro a due scaglioni, il superiore rovesciato, d'oro, l'inferiore d'argento, intrecciati in decusse, accompagnati da quattro stelle, a 7 e 8 raggi, d'oro
     
  D'azzurro a due scaglioni, il superiore rovesciato, d'argento, l'inferiore d'oro, intrecciati in decusse, accompagnati da quattro stelle, a 7 e 8 raggi, d'oro

Pélissier
(del Faucigny, in évian)
 
     
  Troncato, d'ermellino e di rosso, al pellicano d'oro
[CJB]

Pelleterat
(Pellerat, Pelletrat)
  (antica famiglia della Bressa, nobilitata nel 1447)
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato da tre mezzelune d'argento, montanti

Pelly (de)
(de Pellier, de Pelliez, de Pellyez)
(del Genevese)
  signori di Collognier, Droysier, La Muraz, Mons, Pelly, Vallières, Vencières; consignori di Semine
     
  Di rosso, al leone coronato, d'oro, con il capo d'argento, a tre rose di rosso, ordinate in fascia
     
  D'azzurro, al leone coronato, d'oro, con il capo d'argento, a tre rose di rosso, ordinate in fascia
[SCB]

Penthéréaz (de)
(del Paese di Vaud)
  signori di Prilly
     
  ARMA IGNOTA

Pernollet
(di Les Gets, Chiablese)
 
     
  Di rosso, alla testa d'unicorno d'argento, accompagnata da tre stelle d'oro, 2, 1
[CJB]

Perret
d'Angloz
  conti di Hauteville sur Rumilly; signori di Le Mollard, Truaz; consignori di La Bastie Dardel
     
  D'oro, alla banda di nero, carica di tre spade d'argento, in palo, la punta in alto
     
    motto: VIRTUS ET ENSIS

Perret
(di Vevey)
 
     
  D'azzurro, seminato di ferri di lancia d'argento, alla balestra d'oro, posta in palo
[VMA]

Perrier
  baroni di La Bâthie; signori di Grignon
     
  D'azzurro, al monte d'argento, sormontato da una stella d'oro
     
    motto: NON DEFICIAM

Perrin
de Lépin
(da Chambéry)
  conti di Lépin; baroni di Athenaz; signori di Avressieux, Belmont, Lay, Tramonex
     
  D'azzurro, allo scaglione d'argento, accompagnato da una stella d'oro a sei punte, in punta dello scudo, con il capo d'oro, a tre rose di rosso, abbassato sotto un altro capo di rosso
     
  D'azzurro, alla fascia scaccata, d'oro e di rosso, accompagnata in capo da un uccello [colomba?] d'argento, tenente nel becco un ramo di verde [un ramo di olivo?]
     
  Troncato, al 1° scaccato d'oro e d'azzurro, al 2° d'oro
     
  Inquartato, al 1° e 4° di [...] a tre stelle di [...], 2, 1, al 2° e 3° scaccato di [...] e di [...]

Perrin
de La Motte
(da Chambéry)
  (famiglia nobilitata nel 1774)
     
  Di [...], a tre rose di [...], 2, 1, quella in punta gambuta e fogliata di [...]
     
  D'azzurro, allo scaglione d'argento, accompagnato da una stella d'oro a sei punte, in punta dello scudo, con il capo d'oro, a tre rose di rosso, abbassato sotto un altro capo di rosso
[vedi anche scheda precedente]
     
    motto: NON SINE SPINIS

Perrodel (de)
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'argento, a due bande composte di tre pezzi, d'oro e d'azzurro, accompagnate in capo e in punta da due stelle d'azzurro
[VMA]

Perrucard
de Ballon
(da Châtillon en Michaille, Bugey)
  signori di Ballon, Beaumont en Sémine, La Clusaz, Cusinens, Faramant, Grésin, Lèaz, Méral, Piccaraisin; consignori di Les Avanchers
     
  D'oro, a tre teste di pappagallo di verde, beccate di rosso, con il capo di rosso alla croce trifogliata d'argento
[In SDF sono segnalate alcune varianti, tra cui quelle che seguono]
     
  Di verde, a tre teste di pappagallo d'argento, beccate di rosso, con il capo d'argento alla croce trifogliata di rosso
[BBG e SCB]
     
  Di verde, a tre teste di pappagallo d'argento, beccate di rosso
[Besson e BBG]

Pesmes (de)
(Pesme)
(da Ginevra e Berna, al Paese di Vaud)
  signori di Bardassano e Tondonito, Brandix, Gumoëns le Châtel, La Mollière, Le Pré de l'Haut, Saint Saphorin sur Morges
     
  D'azzurro, al gonfalone d'oro, di tre pendenti
[in SDF i tre pendenti non sono arrotondati]
     
    motto: SANS VARIER [Galiffe, Notices généalogiques sur les familles Genevoises]

Pesse (La)
(di Annecy)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con il capo del secondo, carico di un crescente di rosso
[SCB]

Petigny (de)
(de Pitigny)
(del Paese di Gex)
  (antica nobile famiglia con memorie dal XIII secolo)
     
  D'oro, a tre conchiglie d'azzurro
[GGM]

Petoz
(di Annecy)
  signori di Menthonnex sous Clermont [Costa: non ho trovato altre conferme di questa informazione]
     
  Di rosso, a tre fusi d'oro, posti in palo
[SCB]

Peysieu (de)
(de Pessieux)
(dal Bugey, in Savoia)
  baroni di Salagine; signori di Mornex, Pierrecharve, Le Puys, La Villette
     
  D'oro, a due bande ondate, di azzurro
     
  D'azzurro, a due bande ondate, d'oro

Philibert
  (antica famiglia della Bressa, nobilitata nel 1594)
     
  D'azzurro, allo banda spinata, accompagnata da tre bisanti, il tutto d'oro
[Patenti di nobilitazione]

Philippe
(del Chiablese)
  (antica famiglia con memorie dal XV secolo)
     
  Inquartato, al 1° e 4° di rosso, alla banda d'argento, carica di tre teste e colli di cavallo, di nero, al 2° e 3° d'azzurro, all'aquila d'argento
[CJB]

Pichat   signori di Belmont Tramonex
     
  ARMA IGNOTA

Pichat
(de Pichard)
  signori di Luxillier
     
  Troncato, al 1° d'azzurro, al leone d'oro, nascente dalla partizione, al 2° di verde, cucito, carico di due croci trifogliate, d'argento
[CJB]

Picolet
(da La Rochette)
  baroni di Hermillon; signori di Hauteville; consignori di Rochefort
     
  D'azzurro, al delfino d'argento, con la testa rivolta verso il cantone destro della punta, accompagnato da tre stelle d'oro, due nei cantoni del capo, una in cuore, e da un crescente dello stesso, in punta

Pierre (de)
(Depierre)
  (antica famiglia nobile del Chiablese)
     
  Di rosso, alla cornucopia d'argento, rovesciata in palo
[CJB]
     
  (dopo l'alleanza con i Nicod de Maugny)
Inquartato, al 1° di de Pierre, al 2° d'azzurro, a tre bande ondate, d'argento, al 3° d'oro, al leone di rosso (Nicod de Maugny), al 4° de Neuvecelle
[CJB]

Pierre (de)
(del Paese di Vaud e di Neuchâtel)
 
     
  D'oro, alla banda di nero, accostata da due filetti, di rosso
[VMA e A. Mandrot, Armorial historique de Neuchâtel]

Pierrefleur (de)
(di Orbe)
 
     
  Di nero, alla cicogna d'oro, beccata e membrata di rosso
[VMA. Per Rietstap è un cigno]

Pignier
(in Grésy, forse originari di Belley)
  signori di Fontany
     
  D'azzurro, al decussse scaccato, d'oro e di rosso

Pignier (de)
(di Saint Pierre d'Albigny, a Thonon)
  (famiglia nobilitata nel 1633)
     
  D'azzurro, al pino sradicato, d'oro, accompagnato in capo e ai lati da sette stelle, d'argento, in punta da due crescenti dello stesso
[SDF e CJB]
     
    motto: TERRAM ET UMBRAM
TERRAM ET UMBRAM FUGIT

Pigny
  è probabile che si tratti della famiglia che precede
     
  D'azzurro, al pino sradicato, di verde, accostato in orlo da sei stelle, d'oro, in orlo, in capo e inpunta da due crescenti d'argento
[SCB]

Pillet
Pillet Will
(da Montmélian, a Parigi)
  conti (1825 e 1833)
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'argento, al frassino sradicato, al naturale, con il capo d'azzurro, sostenuto d'oro, carico di tre stelle d'oro, ordinate in fascia, al 2° e 3° d'oro, alla gazza di nero, con il capo d'azzurro, carico di una stella d'oro
[Rietstap. Per Manno il frassino non è sradicato e il capo del 1° e 4° quarto non è sostenuto]

Pinas (de)   signori di la Botte, Bourg Saint Christophe, Maillard, Saint Nizier le Désert
     
  Di rosso, al pino di verde, sostenuto da due grifoni d'oro

Pingon (de)
(Pingone)
  conti di Sallenove; baroni di Cusy, Salleneuve; signori di Bonvillaret, Conflans, La Cueille, Le Crest, Duines, Marlioz, Montfort, Pingon, Prangin, Premeyzel, Salins; consignori di Cornillon, Marthod

(apparteneva a questa famiglia il noto diplomatico e umanista Emanuele Filiberto Pingone [Chambery 1525, Torino 1582])

     
  (arma antica, secondo Emanuele Filiberto Pingone)
D'azzurro, alla fascia d'oro
     
  (baroni di Cusy)
D'azzurro, alla fascia d'oro, con una punta d'argento sormontata da una punta simile pure d'argento, rovesciata, movente dal lembo del capo dello scudo
[L'arma di Beroldus a Pingon Sabaudus, 1582, è presente nell'Archiginnasio di Bologna, v. Imago Universitatis n. 688]
     
  Inquartato, di Pingon antico e di Pingon di Cusy
[SDF: stemma di Jacques Sylvestre, barone di Cusy, 1689]
     
  Inquartato in decusse d'oro e d'azzurro, alla fascia d'oro, attraversante, con il capo dei Santi Maurizio e Lazzaro
[arma di D. Equitus Carolus Manuel d. Pingon Sabaudus, 1589, Archiginnasio di Bologna, v. Imago Universitatis n. 937]
     
    motto: SOLI DEO GLORIA

Piochet (de)
(da Bourg en Bresse)
  baroni di Montjovet (val d'Aosta); signori di La Maison Blanche, Marnix, Mérande, Monterminod, Piochet, Salins, Villeneuve
     
  D'oro, al capo d'azzurro, carico di un liocorno d'argento, nascente


Piolenc (de)
(Piolens, Piollens)
(della Linguadoca e del Comitato Venassino, anche in Savoia)
  marchesi di Chaumont (1761); conti di Montbel; signori di Beauvoisin (Provenza), épine, Jarjayes, Rochefort; consignori di Lutrin
     
  Di rosso, a sei spighe di grano d'oro poste in palo, 3, 2, 1, con la bordura spinata del secondo
     
    motto: CAMPI TUI REPLEBUNTUR UBERTATE

Place (la)
(Laplace)
(del Genevese)
   
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato in capo da due stelle, in punta da un crescente, il tutto d'argento
[SCB e CJB]
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, carico di tre tortelli, di rosso, e accompagnato in capo da due stelle, in punta da un crescente, il tutto d'argento
[CJB]
     
  Di rosso, allo scaglione d'argento, accompagnato in capo da due stelle d'oro, in punta da un crescente, d'argento
[FVE]
     
    motto: REDIT ET ITERUM [FVE]

Planchamp (de)
(del Faucigny)
  marchesi di Cluses (1769); signori di Bellegarde, Burdignin, Châteaublanc, Château Fort, Chuet, Cluses, Feuilliet, Marcossey, Mieussy, La Motte, Onnion, Ravorée, Le Villars

     
  D'argento, alla quercia di verde, fruttata d'oro, nascente dalla punta, con il capo dentato, d'oro e di rosso, di quattro punte
     
  D'argento, alla quercia di verde, fruttata d'oro, nascente dalla punta, con il capo di rosso, sostenuto da una foglia di sega, d'oro
[FVE]
     
  D'argento, al roseto di quattro rose, di verde, nascente dalla punta, con il capo dentato, di rosso e d'oro
[SCB]
     
    motto: DE BIEN EN MIEUX

Planet (du)   signori di Beyviers, Le Planet
     
  D'azzurro, al toro passante, d'oro
[BBG]

Plantey (du)   signori di Le Plantey
     
  D'argento, alla banda di rosso
[BBG]

Plassat
(del Chiablese)
  (antica famiglia con memorie dal XV secolo)
     
  Troncato, al 1° d'azzurro, a tre besanti d'oro, 2, 1, al 2° d'argento, allo scaglione, accantonato da tre losanghe, il tutto di rosso
[CJB]

Plastre (du)  
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, carica di un leone di nero

Plonjon (de)
(de Plongeon)
(del Genevese)
  signori di Bellerive, Collonges, Tessy

     
  Di rosso, alla banda d'oro carica di tre trifogli, di verde

Pobel   conti di Saint Alban; baroni di (marchesi? de La) Pierre; signori di Anières, Anuys, Ayse, Boisy, Chignin, Collonges, La Croix, Farges, Le Molard, Peron, Pontchy, Pougny, Pressy, St. Etienne, Saxel; consignori di La Colliette
     
  Di verde, alla banda d'oro, carica di tre conchiglie di nero
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, carica di tre conchiglie di nero
     
1 motto: PETRA MEA DOMINE ROBUR MEUM ET FORTITUDO MEA

Pochat
(del Chiablese)
  signori di Cumilly (Cumillier)

     
  D'argento, all'ansa (o crescente) di [...], accompagnato da una stella di [...], in capo
[SDF]
     
  D'argento, all'ansa (o crescente) di verde, accompagnato da una stella di rosso, in capo
[CJB, per i Pochat da Mesinges - Allinges a Evian e Jussy - Sciez, questa seconda linea nobilitata]

Poencet
(Puenset, Puencet)
(di Sallanches)
  (famiglia nobile con memorie dal XVI secolo)
     
  Di nero, a tre bande d'oro, con il capo d'argento, carico di tre moscature di ermellino, in fascia
     
  Bandato di nero e d'oro, con il capo d'argento, carico di tre moscature di ermellino, in fascia

Poencet
(Puenset, Puencet, Poincet, Poenset)
(della Tarantasia)
  signori di Beaucrest, Blanchard

     
  Di nero, a tre bande d'oro, con il capo d'argento carico di tre moscature di ermellino, in fascia

Poleins (de)   signori di La Jaclère, Poleins
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, accompagnata in capo da una stella dello stesso, in punta da un crescente d'argento
[BBG]

Polignac (de)   conti di Montmayeur; baroni di Cusy; signori di Caramagna, Entremont le Vieux; consignori di Ballaison
     
  Fasciato d'argento e di rosso
     
    motto: SACER CUSTOS PACIS

Polliat
  (antica famiglia, nobilitata nel 1563)
     
  D'azzurro, al pegaso d'argento, volante

Pont (du)
(della Moriana)
  signori di Burgin, Combremont, Montarlot, Myans, Saint Michel, Siens, Villaret, Vorgerey
     
  D'azzurro, alla banda ondata d'argento
     
  D'azzurro, alla banda spinapesce d'argento
     
  D'azzurro, alla banda ondata d'oro, accompagnata in capo da un leone d'argento
[SDF, citando Corona Reale]

Pontverre (de)
(del Genevese e del Chiablese)
  (de Foras non è certo che tutte queste linee appartengano alla stessa casata)

signori di Aigremont, Chavaroche, Epagny, Brens, Pontverre à Lavagny, Pontverre à Cruseilles, Pontverre à Ugine, Saint Triphon, Rochefort; consignori di Aubonne

     
  Di [...], all'aquila con il volo abbassato, di [...]
[sigillo del cavaliere Guigue de Pontverre, 1258]
     
  D'azzurro, all'aquila (con il volo abbassato?) d'argento, armata di rosso
[In Revue historique vaudoise n. 49 (1941), viene attribuito ai Pontverre di Saint Triphon questo stemma, tratto da Galbreath: non potendo verificare direttamente, lo riporto con beneficio di inventario]
     
  Di rosso, allo scaglione d'argento, carico di tre croci biforcate, d'azzurro
     
  D'argento, al ponte di tre arcate, di verde, con il capo di rosso carico di un leone nascente, d'oro
[Besson, citato in SDF]
     
  D'oro, a tre pali d'azzurro
[SCB, riprendendo BBG, per la linea di Chavaroche: ma - si osserva in SDF - queste sono le armi dei Ternier, che diventano anche signori di Pontverre]

Port (du)   marchesi di Pontcharra (1591, da Enrico IV di Francia); signori di La Balme de Pierre Châtel, Champ d'Asar, Le Port de Pierre Châtel
     
  D'azzurro, a tre pali d'argento, con la fascia alzata del secondo, passante sul tutto
[Nell'Annuaire de la noblesse de France, la fascia non è alzata]
     
  Palato, contropalato, d'argento e d'azzurro, di dieci pezzi
[SCB, riprendendo BBG]
     
    motto: CINGIT ET OBSTAT

Port (du)
(Duport)
(da Termignon, Moriana)
  (famiglia nobile con memorie dal XV secolo)

baroni (1904)

     
  D'azzurro, a tre pali d'argento, con la fascia alzata del secondo, passante sul tutto
     
    motto: CINGIT ET OBSTAT

Portes (des, de)
(dal Delfinato, in Savoia)
  signori di Cessens, Chatelet, Grésy, Mollarond
     
  D'argento, alla banda di verde, carica di tre crocette d'oro

Portier
de Rumilly
  signori di Argis, Belair (olim Bettex o Le Bétex), Barroz, Germinex, Mieudry
     
  D'argento, alla banda d'azzurro, accompagnata da due leoni dello stesso, armati e linguati di rosso
     
  D'oro, alla banda d'azzurro, accompagnata da due leoni dello stesso, armati e linguati di rosso
[SCB]
     
    motto: DE TOUS CHâTEAUX PORTIER

Portier
(di Sallanches)
  signori di Charrières, La Tour de Passy; consignori della Val des Clets
     
  Partito di rosso e d'azzurro, alla chiave antica d'argento, in palo, accompagnata da due stelle d'oro in capo
     
    motto: DE TOUS CHâTEAUX PORTIER

Portier
de Montmélian
  (famiglia che nel XIV secolo aveva la guardia ereditaria della prima porta del castello di Montmélian)
     
  Di rosso, alla banda d'argento, accompagnata da sei bisanti dello stesso, in orlo

Portier
(di Lully)
  (famiglia che nel XVI secolo aveva la guardia ereditaria della fortezza di Lully)
     
  Partito d'oro e d'azzurro, al castello, sormontato da una chiave in fascia passante sulla partizione, dell'uno nell'altro, il castello sorgente da un lago ondato d'argento
[CJB]

Portier
(della Moriana)
  (antica famiglia nobilitata nel XV secolo)
     
  Di rosso, al castello d'argento, con un uomo armato, pure d'argento, davanti alla porta

Poype (de La)   (forse sono un ramo della famiglia de la Poype de Serrières, nel Viennese)

signori di Chignin

     
  ARMA IGNOTA
     
  (de la Poype de Serrières)
Di rosso, alla fascia d'argento
     
    motto: NEC TEMERE NEC TIMIDE [de la Poype de Serrières]

Poypon (de)
(detti Néplaz o de Belletruche)
  signori di Agnuys, Chanay, Chatenod, Puteville, Saint Vial, Yvoire
     
  Inquartato d'oro e d'azzurro

Pradel (de)
d'Auturin
(di Chambéry)
  signori di Auturin, Césarches, Cornillon, La Croix, La Roue
     
  Di rosso, alla tavoletta d'oro, con il capo d'argento, carico di un leone illeopardito del primo
     
  D'oro, alla tavoletta di rosso, in abisso, carica di un leone passante, del campo
[SCB, da BBG]
     
  Di rosso, alla tavoletta d'argento, con il capo d'argento, carico di un leone illeopardito del primo
[variante citata in SDF]
     
  Di rosso, alla tavoletta d'oro, con il capo del secondo, carico di un leone illeopardito del primo
[FVE e Besson]

Prangins (de)
(del Paese di Vaud)
  (ramo dei de Cossonay)

signori di Bellerive, Grandcour, Nyon, Prangins

     
  Di [...], all'aquila di [...]
[VMA]
     
  D'oro, all'aquila di nero
[Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz, vol. 5, 1929; Riestap. Per VMA questa è l'arma dei de Cossonay]
     
  D'argento, all'aquila di rosso
[Jean de Prangins, vescovo di Losanna (1433-1440), vescovo di Aosta (1440-1444), arcivescovo titolare di Nicea (1444-1446): de Tillier, Chronologies]
     
  D'argento, all'aquila d'azzurro, armata e lampassata di rosso
[arma del vescovo di Aosta Jean de Prangins, castello La Tour de Villa, Gressan]

Praroman (de)
(del cantone di Friburgo)
  signori di Rolle, Rosey, (Givisiez?)
     
  Di nero, alla lisca di pesce d'argento, disposta in semicerchio
[VMA; A. Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg e Armorial historique de Neuchâtel]

Preux (de)
olim Proux, Probi
(di Vevey, un ramo anche in Vallese)
  baroni di Pont; signori di Lavigny
     
  Di rosso, alla banda d'oro, carica di un leone passante, d'azzurro
[VMA e VAN]
     
  Di rosso, alla banda d'oro, carica di un leone passante, d'azzurro, tenente con la branca anteriore destra un giglio, dello stesso
[VAN e Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz, vol. 5, 1929]

Prez (de)
(Deprez, De Pres, De Preiz)
(dal cantone di Friburgo, nel Vaud, Vallese, Savoia e Paese di Gex)
  signori di Drusilly, Corcelles le Jorat, Corsier sur Lutry, Crassier, Granges

     
  Troncato, d'oro, al leone nascente di rosso, e d'azzurro
     
  D'azzurro, al capo d'oro, carico di un leone nascente di rosso

Puget (du)   signori di La Berruyère, Le Puget, La Rue, Le Vernay
     
  D'oro, a quattro pali di rosso, con il capo d'argento, carico di un'aquila di nero
[BBG]
     
  D'oro, a quattro pali di rosso, con il capo d'argento

Puits Gautier (de)
(de Puy Gautier)
  signori di Puits Gautier
     
  ARMA IGNOTA

Pupet (de, du)
(de Pipet)
(della Rochette)
  (famiglia nobilitata nel 1597)
     
  Troncato di rosso e d'argento, al leone troncato d'oro e di rosso, tenente un fiore di pipa (Aristolochia)
     
    motto: INGENIUM ET LABOR

Puthod
(di Rumilly)
  signori di Truchet
     
  D'argento, all'alloro di cinque rami al naturale, su una terrazza di verde, accompagnato in capo da due stelle di rosso

Puthod
(di Sciez, Chiablese)
  (famiglia con memorie dal XVI secolo)
     
  Di rosso, alla scaglione d'oro, accompagnato in capo da due stelle, in punta da un cinquefoglie gambuto, il tutto d'argento
[CJB]

Puy (du)   baroni di Montagny, La Motte
     
  Di verde, a un pozzo d'argento, accostato da due dragoni d'oro, affrontati, sostenenti il pozzo
[SCB]

Quartéry (de)
(del Vallese)
  (antica famiglia nobile di Saint Maurice, due membri della quale [Gaspare Antonio e Pierre] furono al servizio di casa Savoia nel 1600)
     
  D'azzurro, alla losanga d'oro
[VAN e Riestap]
     
  D'azzurro, a quattro losanghe d'oro, 1, 2, 1, sopra un colle di tre cime, di verde
[Armorial Valaisan - Walliser Wappenbuch, 1946]
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'azzurro, a quattro losanghe d'oro, 1, 2, 1, al 2° e 3° d'argento, al drago di verde, armato e linguato di rosso, rampante contro una mezza torre d'oro, aperta del campo, muovente dalla partizione (Neuvecelle)
[VAN e Rietstap]
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'azzurro, alla losanga d'oro, sostenuta da un colle di tre cime, di verde, al 2° e 3° d'argento, al drago di verde, armato di rosso, rampante contro una mezza torre d'oro, aperta del campo, muovente dalla partizione
[Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz, vol. 5, 1929]

Quay
(del Paese di Vaud)
 
     
  Di rosso, alla croce potenziata scorciata, d'argento
[VMA. Desidero segnalare che, in un sito contenente un elenco completo delle famiglie svizzere citate nei vari armoriali, accanto alla famiglia Quay compare la provenienza Aoust (Aosta?), oltre a Vevey. Sembrerebbe che questa informazione sia presente nell'Armorial Vaudois di Galbreath, che però io non posseggo. L'arma della famiglia valdostana Quey è tuttavia completamente differente]

Queige (de)
(della Tarantasia)
  signori di Queige
     
  ARMA IGNOTA

Queige (de)
detti Ravoire
  vedi Ravoyre de Queige

Querlaz
(di èvian)
  (famiglia nobile con memorie dal XVI secolo)
     
  ARMA IGNOTA

Quiblier  
     
  Trinciato d'azzurro e di rosso, al cervo passante d'oro, sostenuto da una terrazza scorciata, pure d'oro
[CJB]

Quimier (de)   signori di Pontverre
     
  Di verde, alla colonnna d'argento, accompagnata da due porcospini dello stesso
     
    motto: HAUD ME PERICULA TERRENT

Quinerit (de)   signori di La Motte
     
  Scaccato d'oro e di nero, con il capo d'argento carico di un leone nascente, di rosso

Quinson
(del Viennese)
  signori di Verchières
     
  D'ermellino, alla banda di rosso
     
  D'argento, alla fascia di rosso, carica di un sole d'oro e accompagnata da tre uccelli di verde, beccati e unghiati di nero, 2, 1
[FVE]
     
    motto: SUAVIS SUAVI

Quisard
(del Paese di Vaud)
  signori di Arnex, Borex, Crans, Mercorens; consignori di Balleyson, Genollier, Gimel, Givrins, Longerod, Le Rosey
     
  Fasciato d'argento e d'azzurro, con tre stelle d'oro, in palo, sulle fasce d'azzurro
     
  Fasciato d'azzurro e d'argento di sei pezzi, le fasce d'azzurro cariche ciascuna di tre stelle d'oro
     
    motto: VIRTUS POST MORTEM VIVIT

Quoex (de)   consignori di Clets
     
  D'azzurro, alla fascia d'oro carica di un'altra fascia di rosso, accompagnata da sei bisanti d'oro, tre in capo, disposti in fascia, tre in punta, 2, 1
     
  Di rosso, alla fascia d'oro carica di un'altra fascia d'azzurro, accompagnata da sei bisanti d'oro, tre in capo, disposti in fascia, tre in punta, 2, 1
[SCB]
     
  D'azzurro, alla fascia d'argento carica di un'altra fascia di rosso, accompagnata da sei bisanti d'oro, tre in capo, disposti in fascia, tre in punta, 2, 1
[SCB e CJB]

Radicati   (vedi Blasonario Subalpino)

conti di Montmayeur

     
  Inquartato, al 1° e 4° di nero, all'aquila d'oro coronata dello stesso, al 2° e 3° d'argento, al castagno al naturale sradicato

Rambert   signori di Châtillon en Sautagne
     
  Partito, di rosso, a tre sbarre d'argento, e d'azzurro, alla torre d'argento

Rambert
(da Chambéry)
  (Jacques, vescovo di Aosta, 1727-1728)
     
  D'azzurro, a tre stelle d'oro, 2, 1
[De Tillier, Chronologies]

Ramus (de)
de Charpenne
(del Bugey)
  signori di Foras, La Fontaine, Méral, Verdun; consignori di Semine
     
  (arma ipotizzabile, ma non certa)
D'oro, all'albero di verde, al leone illeopardito di rosso, passante
[SDF]

Ramus
(di Aiguebelle)
  (famiglia nobilitata nel 1594)
     
  D'argento, a tre zampe di leone, di nero, 2, 1, e un giglio di rosso, in abisso
[Patenti di nobilitazione, citate in FVE]
     
    motto: ARMA ME FECERUNT

Ramus
(Ramuz)
(del Chiablese)
 
     
  D'azzurro, alla scala sormontata da una crocetta, il tutto d'argento
[CJB]

Rapier
  signori di Chaloz
     
  Fasciato d'argento e di rosso, al leone di nero, attraversante sul tutto
     
    motto: ARDUO LABORE TANDEM SUPEREMINET

Rapin (de)
  conti di Cuynes, Les Villards
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'oro, a tre rose di rosso, 2 e 1, al 2° e 3° d'oro, all'aquila di nero, con il volo abbassato

Rarogne (de)
(Raron)
(del Paese di Vaud e del Vallese)
  (antica e celebre famiglia nobile vallesana)

signori di Anniviers ...

     
  D'oro, all'aquila di nero, beccata e membrata di rosso
[VAN]
     
  Inquartato, al 1° d'oro, all'aquila di nero, beccata e membrata di rosso, al 2° di rosso, all'aquila d'oro, al 3° d'azzurro, al castello di due torri d'oro, aperto di nero, al 4° d'argento, al basilisco di nero, crestato e lampassato di rosso
[VAN]

Ravais
  signori di Charmoisy, Gemillieu, Saint Maurice de Rotherens, Virignin
     
  Di rosso, al mastio d'argento, torricellato di una torretta

Ravoire (de la)   baroni di Charansonnay; signori di Châteaubochard, la Colliette, la Croix, Marches, Mollard, la Ravoire, Saint Alban, Silans, Tresserve; consignori di Cavallerleone, Escrivieux, Massigneu
     
  Palato d'argento e di rosso, di sei pezzi, alla banda d'azzurro attraversante

Ravorée (de)
(de Rovorée, de Rovéréa)
(del Chiablese)
  baroni di Brissogne; signori di Avully, Bonneveaux, Cervens, Le Crest (Crêt), Copet, Corsinge, Montbuiron, Rovorée, Vallée d'Aulps, Urtières, Yvoire
     
  Di rosso, alla banda d'argento
     
  (i de Ravorée del Vallese)
Di rosso, alla banda d'argento, carica di una corona d'azzurro, ririrata verso il capo
     
  Di rosso, alla banda d'argento, carica di una stella d'azzurro, in cuore, e di due corone, pure d'azzurro, una in capo e l'altra in punta
     
  Di rosso, alla banda d'argento, carica di una corona d'oro, ritirata verso il capo
[CJB]

Ravoyre
de Queige
  consignori di Cornillon, Marthod, Queige
     
  ARMA IGNOTA

Rebut   signori di Noyer, Saint Cergue, Saxel; consignori di L'Annonciade, Brens, Vigny
     
  D'azzurro, al gambero d'oro, con la fascia di rosso attraversante
     
    motto: VERTERE TERGA NEQUIT

Regard (de)
  marchesi di Ballon (1760), Cruseilles (1757), Lucinge (1784); conti di Clermont, Vars; signori di Allonzier, Beaumont, Cranves-Sales, Desingy, Disonche, Féternes, Lucinge, Marcy, Méral, Mognard, Morgenex, Peillonex, St. André, St. Cassin, Vallières, Villeneuve
     
  D'azzurro, al mondo d'oro, cinto e crociato di rosso
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'oro, al mondo d'argento, cinto e crociato di rosso, al 2° e 3° bandato d'argento e di rosso, ogni banda d'argento carica di tre stelle, di rosso (Asteggiano)
[Conferma di nobilità del 1567]
     
  Inquartato, al 1° e 4° di Féternes, al 2° e 3° di Lucinge, sul tutto di Regard
     
    motto: à TOUT REGARD

Regis   signori di Gemilly, Lepigny, Tigny
     
  D'azzurro, alla stella (8) d'oro
     
    motto: ERAT LUX VERA
     
  D'oro al grifone di rosso
     
    motto: OMNE A DOMINO

Regnauld   signori di Bissy, Chaloz, Landrecin, Mollard, Montgex, la Rapière, La Tour Blanche; consignori di Lagneux
     
  Di rosso, alla fascia d'argento accompagnata da due rombi d'oro
     
    motto: ARDENS ET AEQUUM
NON MUTOR

Rey   baroni di Noyer; signori di Châtel, Minjoux; consignori di Cornillon, Marthod
     
  D'oro, alla rupe di verde, sostenente un camoscio di porpora, cornato e unghiato di nero
     
    motto: SUSPICIT ET DESPICIT

Reydelet   signori di Chavagnat, La Vellière
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con la fascia di rosso, carica di due stelle d'argento, attraversante
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con la banda di rosso, carica di due stelle d'argento, attraversante
[SCB]

Reydelet   signori di Saint Paul
     
  D'azzurro, a tre fasce d'argento, quella di mezzo carica di una croce trifogliata di rosso, passante sopra un leone di nero, linguato, armato e immaschito di rosso, esso leone attraversante a sua volta sulle altre due fasce

Reydet (de)   conti di La Balme de Sillingy; baroni di Grilly; signori di Choisy, La Croix d' Aiguebelle, Hauteville, Manigod, Pressy, Rogemont, Vulpillières
     
  D'azzurro, alla fascia d'oro, accompagnata in capo da due stelle dello stesso, in punta da un crescente montante d'argento
     
  D'azzurro, alla fascia, accompagnata in capo da due stelle, in punta da un crescente, il tutto d'oro
[SCB]

Revillard   (antica famiglia nobile di Sallenôve)
     
  Troncato, d'oro, a tre stelle di rosso, 2, 1, e d'azzurro, al castello d'oro
[CJB]

Richard
  signori di Marsier, Montpon, La Tour de Montvuagnard
     
  Di rosso, alla banda d'argento carica di tre scaglioni d'azzurro, con il capo d'oro
     
  Di rosso, al capo d'oro, con la banda d'argento, carica di tre scaglioni d'azzurro, passante

Richard
  signori di La Thuile
     
  D'argento, alla croce di nero, accantonata da quattro gigli di rosso

Richard (de)
  signori di Aimavigne, Bellegarde, Miribel
     
  Troncato, d'oro e d'azzurro, a due decusse dell'uno nell'altro

Richard (de)
  signori di Berlandet, La Combe
     
  Di rosso, a due colonne d'argento in palo, con il capo d'azzurro, cucito, carico di una sfera d'oro, accostata da due stelle d'argento
     
    motto: IN SOLIDA SPE

Riddes (de)
  signori di Bellecombe, Belletour, Bellevarde, Blay, Charbonnière, La Croix, Le Rosey, Saint Paul, Saint Thomas des Esserts, la Val de Bozel, la Val des Clets; consignori di Cornillon, Cupelin, Marthod, Servoz
     
  D'azzurro, alla torre d'oro, sinistrata da un'ala di muro, dello stesso, aperta del campo, con una stella d'oro nella porta

Rigot
(del Genevese)
  consignori di Le Marthoray
     
  D'azzurro, al bue guardante, coronato, d'oro, passante su una terrazza di verde, e accompagnato in capo da una stella d'argento
[GGM. In Rietstap il bue non è guardante]

Rincel (de)   (antica famiglia della Tarantasia, nobilitata nel 1584)
     
  Interzato in palo, al 1° di rosso, all'ermellino d'argento, accompagnato in capo da due conchiglie, in punta da una stella, il tutto d'oro, al 2° d'azzurro, alla banda d'argento, al 3° di rosso, alla mezzaluna d'argento, crescente
[Patenti di nobilitazione]
     
    motto: FORTITUDINE ET LABORE

Risse (de)
(della Bressa)
  (famiglia discendente dai Ricci di Cellarengo)

signori di la Berruyre, Cornaton, Espinay, La Moutonnière

     
  D'argento, a castagne di verde, fogliate dello stesso, 2, 1
[BBG]

Rivaz
(del Vallese)
conti (re Carlo Felice, 1823)
     
  Troncato, al 1° d'azzurro, al leone d'oro, nascente dalla troncatura, al 2° di rosso, allo scaglione d'oro, accompagnato in punta da una mezzaluna d'argento, crescente
[VAN; Manno indica un cavallo (sic) invece dello scaglione, ma forse si tratta di un errore di dattiloscrittura del manoscritto]

Rive (de la)
(da Mondoví, in Ginevra)
(famiglia con memorie dal XV secolo - vedi anche Blasonario Subalpino)
     
  D'oro, alla banda di rosso, carica di un orso passante, di nero
[GGM; per Manno l'orso è al naturale]
     
    motto: TEL PENSE MORDRE QUI SE POINCT

Rivérieulx
(della Bressa)
  conti di Chambost, Lepin, Varax; signori di Civrieux, La Duchère, Flambost, Gage, Lozanne, Marcilly
     
  D'azzurro, al fiume agitato d'argento, corrente in punta, sormontato da un crescente dello stesso, in abisso

Rivoire (de la)
(dal Delfinato, anche in Savoia e valle di Susa)
  (vedi anche Blasonario Subalpino)

signori di La Bâtie Montgascon, Bruzolo, Domessin, Gerbais, Lay, (Pancalieri?), Pont de Beauvoisin, Pressins, Rochefort; consignori di Belmont, Cervens, Faverges, Pierre-Châtel, Romagnieu

     
  Fasciato d'argento e di rosso, alla banda d'azzurro, carica di tre gigli d'oro, attraversante
     
  (probabile arma antica)
D'oro, a tre roveri sradicati, di verde
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
    motto: NEC SI COELUM RUAT
EN FEAULTé
SEMPER HONOR ET FIDELITAS

Roberty
  signori di Sainte Hélène du Lac
     
  D'argento, a tre miosotis d'azzurro, gambuti e fogliati di verde, bottonati di rosso, 2, 1

Rochette (de la)   (vedi anche Blasonario Subalpino)

signori di La Pesse, Pierrecharve, Rougemont; consignori di Villarbasse

     
  Di rosso, a tre merli di muraglia, d'argento
[Fiori di Blasoneria, Rochetta in Savoia]
     
  D'azzurro, a tre ferri di lancia all'antica, d'oro, 2 e 1
     
  D'azzurro, a tre rocchi d'oro, 2 e 1

Rochette (de)   conti di Arâches, La Croix, Scionzier; baroni di Beaufort, Donjon, Salagine, Villard e Burdignin; signori di Bourgeal, Hermineur, La Forest, Mont Saconnex, Saint Sigismond, Vougy
     
  D'azzurro, a due potenze d'oro, moventi dai fianchi e dalla punta, accompagnata da cinque stelle dello stesso, tre in capo disposte in fascia, e due in palo tra i tratti verticali delle potenze

Rodes (de)   signori di Barbarel, La Botte, Le Fay
     
  Partito d'argento e di nero, a tredici stelle dell'uno all'altro e dall'uno nell'altro, disposte in palo, 4, 5, 4
     
    motto: SPES SUPER SIDERA

Roffier
(Ruffier)
  signori di Tresserve
     
  ARMA IGNOTA

Roget (de)
(da Bonneville)
  signori di Cevins, Cholex, Fesson, Folliet, Menthonnex, Le Mollard, Le Noyer, La Place, Pontverre, Servoz

conti (1824)

     
  D'azzurro, al ponte d'argento sostenente un leone passante, d'oro
     
  D'azzurro, al ponte di porpora, orlato d'argento, sostenente un leone passante, d'oro
[SCB]
     
  D'azzurro, alla campana, sormontata da una spada (posta in fascia?), il tutto d'oro
[Manno e FVE. In SDF però è contestata l'attribuzione di quest'arma ai Roget di Bonneville ed è invece assegnata ai Roget di Aiton, vedi sotto]

Roget
(di Aiton)
  (famiglia nobilitata nel 1620)
     
  D'azzurro, alla campana, sormontata da una spada, il tutto d'oro
[SDF]
     
    motto: SONUS EXCITAT

Roissard   baroni di Bellet
     
  Di rosso, alla croce d'argento, scanalata, caricata in cuore di una rosa del campo
     
    motto: RES NON VERBA

Rolaz
(di Rolle)
  consignori di Mézery
     
  Di nero, inferriato d'oro, con la bordura del secondo
[VMA e GGM]

Rolland (de)
de la Biolle, de Mouxy, de Villard-Sallet
  signori di Mollière, Tarensy

baroni (1834)

     
  D'azzurro, al grifone rivoltato, coronato, d'oro

Rolland (de)
de Marigny o d'Alby
 
     
  D'azzurro, alla spada d'argento in palo, la punta in alto

Rolland (de)
de Versonnex)
 
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, carico di un altro scaglione di rosso, accompagnato in capo da due stelle, in punta da un crescente, il tutto d'oro

Rosset   baroni di Tours
     
  ARMA IGNOTA

Rosset   signori di Echandens, Prilly, Vufflens
     
  D'azzurro, alla fascia d'argento, carica di tre speronelle del primo, e accompagnata da tre ferri di lancia, d'argento, due in capo, uno in punta
[CJB]
     
  D'azzurro, alla fascia d'argento, carica di tre rose, di rosso
[CJB]
     
    motto: FATUM VIRTUTI OMNIA VIRTUS
ARDUA VINCIT OMNIA VIRTUS
BRUSQUERIE DES ROSSETS

Rossillon (de)   (vedi anche Blasonario Subalpino)
[marchesi di Bernezzo (1619), Riva (1619); signori di Lesegno; consignori di Torricella]

conti di Rossillon; baroni di Le Bourget; signori di Arlod, Château-Gaillard

     
  Di nero, alla croce d'argento
[SDF, SCB]
     
  (per il ramo di Thonon?)
Di nero, alla croce d'oro
[CJB]
     
  (dal XVI secolo adottano l'arma Châtillon de Michaille, inquartata con quella Provana)
Inquartato, al 1° e 4° d'argento alla croce di rosso, al 2° e 3° d'azzurro, alla colonna d'argento con due chiavi d'oro, addossate e decussate, gli ingegni all'insù, caricanti la colonna
     
  (è attestato anche questo alias)
     
  (è attestato anche questo alias)
     
2 motto: SPES MEA DEUS

Rossillon (de)   signori di Beauretour, Gemillieu, Virignin
     
  D'oro, a due fasce di nero

Rougemont
(Rogemont)
(del Bugey e della Bressa)
  (antica famiglia nobile con memorie dal XII secolo(
     
  Di rosso, al leone d'oro, armato e lampassato d'azzurro
     
  Di rosso, al leone d'oro
     
    motto: HONOS MIHI

Roussillon (de)
(del Delfinato)
  (antichissima famiglia molto diramata)
     
  (Roussillon Annonay)
Scaccato d'argento e d'azzurro, con la bordura di rosso
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
  (Roussillon Annonay)
Scaccato d'oro e d'azzurro
[Riestap]
     
  (Roussillon Bouchage)
D'oro, all'aquila di rosso
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné, e Riestap]
     
  (Roussillon Bouchage)
Di rosso, all'aquila d'argento
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné, e Riestap]
     
  (Roussillon Anjou e Roussillon Brangues)
D'oro, all'aquila di rosso
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
  (Roussillon Anjou e Roussillon Brangues)
Di rosso, all'aquila d'argento
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
  (Roussillon Anjou)
Di rosso, all'aquila d'oro
[Riestap]
     
 
Di rosso, all'aquila d'argento, coronata d'oro
[arma di Françoise de Roussillon, moglie di Bonifacio di Challant Fénis, Maresciallo di Savoia e Governatore del Piemonte, cortile del castello di Issogne. Françoise appartiene alla linea dei signori di Tullins]

Roussy (de)
Roussy de Sales
(dalla Linguadoca, in Savoia)
  marchesi
     
  D'azzurro, al liocorno passante d'oro, con il capo dello stesso
[Manno. Riestap aggiunge la variante con il liocorno passante sulla campagna di verde]
     
  Inquartato di de Roussy e di Sales

Roy
(di Romainmôtier)
  (Antoine Roy, 1688-1760, colonnello comandante del reggimento Bernese al servizio di casa Savoia, 1744)
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, carica di una spada di nero, e accompagnata da due gigli del secondo
[fondo PP732, Archivi Cantonali del Vaud]
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, carica di una scimitarra di rosso, e accompagnata da due gigli del secondo
[Rietstap]

Ruaz (de)
(de Rua, Deruaz)
  (antica famiglia nobile del Chiablese)
     
  D'azzurro, alla fascia ondata d'argento, accompagnata da tre rose d'oro, bottonate di rosso
[CJB]

Rubat  signori di Montségur
     
  D'azzurro, alla croce potenziata d'oro

Rubin
Rubin de Cervens
(da Marignier)
baroni (1830)
     
  D'azzurro, al leone d'oro, lampassato di rosso
     
  Inquartato, di Rubin e di Mathieu de Cervens

Ruffin
(dalla Bresse, in Savoia)
  signori di Allamand, La Biguerne, Le Pontet, Vens, La Verdatière
     
  D'oro, al decusse di nero, accantonato da quattro foglie di quercia, di verde
     
  D'azzurro, al decusse d'oro, accantonato da quattro foglie di quercia, di verde
[SCB, da BBG]
     
  (i Ruffin rimasti in Bressa)
Di verde, a tre stelle d'oro, con un crescente d'argento in capo
[Patenti di nobilitazione del 1594]
     
    motto: SIC DEO PLACUIT

Ruphy   consignori di Cholex
     
  Troncato, d'oro, al leone di nero, nascente dalla partizione, e d'argento, a tre trifogli di verde, 2, 1
     
    motto: FORTITUDINE ET SUAVITATE

Russins (de)
(del Paese di Vaud)
  (antica famiglia nobile)
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con la banda di rosso attraversante
[VMA]

pagina seguente

pagina precedente


al Blasonario Subalpino


Ultimo aggiornamento 23 Giugno 2015
Creato e mantenuto da Federico Bona
Copyright &ccopy; 1999-2015 Federico Bona