Blasonario sabaudo transalpino

Armorial du Duché de Savoie



Le principali fonti dei blasoni

Armorial et Nobiliaire de l'ancien Duché de Savoie di De ForasSDF
Armorial du Duché de Savoie, dressé pour le Marquis Costa de Beauregard
(estratto dal cosiddetto Armoriale Laiolo)
SCB
Armorial du Chablais, par John BaudCJB
Armorial historique du canton du Vallais, par M.J.E. d'AngrevilleVAN
Armorial historique genevois, par J.B.G. Galiffe et A. de MandrotGGM
Armorial historique du canton de Vaud, par A. de MandrotVMA
Histoire de la Bresse et du Bugey di Guichenon BBG
Armerista delle famiglie nobili e titolate della monarchia di Savoia di A. Franchi-Verney FVE

Se la fonte non viene citata, è sottinteso che si tratta di SDF.

Altre fonti meno frequenti o da me non consultate direttamente sono indicate per esteso. In particolare l'Armorial Vaudois di Donald L. Galbreath è da me citato come fonte solo indiretta: infatti ho reperito le sue immagini nel molto completo e affidabile sito araldico svizzero http://www.chgh.net/ ("der schweizerische genealogisch-heraldische Webkatalog").

Segnalo una volta per tutte che l'Armoriale Laiolo, da cui è stato ricavato l'armoriale Costa, secondo De Foras non sempre è affidabile, tant'è che in alcuni casi De Foras adotta il blasone indicato da Besson (Armoiries de diverses familles nobles de la Savoie et de quelques autres étrangères avec lesquelles elles ont fait alliance) invece di quello di Laiolo / Costa.

I feudi sono ricavati da varie fonti, quelli savoiardi principalmente da de Foras e da Guasco di Bisio.

Errori, imprecisioni e omissioni, normalmente presenti, in questo caso sono più probabili:
vi ringrazio in anticipo per tutte le correzioni che vorrete farmi.



A - B



Abères (des)
 
     
  ARMA IGNOTA

Abergement (de l')
(del Genevese)
 
     
  D'azzurro, a tre stelle d'argento, 2, 1, con il capo d'oro, carico di un leone nascente, di rosso
[GGM]

Achet
 
     
  Di rosso, a due asce da guerra d'oro, poste in palo e addossate
[SCB]

Achard
(da Ginevra, poi in Savoia e Delfinato)
  signori di Rosey
     
  D'azzurro, a tre elmi d'argento, 2, 1
[anche in GGM e FVE]
     
  D'azzurro, a tre elmi d'oro, 2, 1
     
  (è anche attestato)
Di rosso, a tre elmi d'oro, 2, 1
     
  (gli Achard Ferrus, ramo nel Delfinato)
Di rosso, a tre elmi d'argento, 2, 1
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]

Achard (d')
(di Ginevra)
 
     
  D'azzurro, al braccio d'argento, vestito d'oro, uscente dal fianco sinistro, e tenente un'ascia d'armi, d'argento, accompagnata da tre stelle d'oro, 2, 1
[GGM]

Adda (d')
(d'Addaz)
  (ramo della celebre famiglia lombarda emigrato in Savoia)

signori di Corsinge

     
  Fasciato ondato d'argento e di nero, con il capo d'oro all'aquila coronato, di nero

Affry (d')
(del Paese di Vaud e del cantone di Friburgo)
  signori di Givisiez
     
  Scaglionato d'argento e di nero
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  D'argento, a tre scaglioni di nero
[VMA e Rietstap]
     
    AU PLUS VAILLANT HEROS
INVIA VIRTUTI NULLA EST VIA

Agassis
(Agassiz)
(di Bavois)
 
     
  D'argento, alla gazza al naturale, appollaiata su un ramo di verde
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1. Per Riestap si tratta di una gallina, sostenuta da due bastoni scorciati, di nero, decussati: un'arma con i due bastoni e la gazza è illustrata in François J. Rappard, Heraldica Helvetica, 1993]

Agnel
 
     
  ARMA IGNOTA

Aigle (d')
(del Vallese)
  (non sono ancora riuscito a trovare eventuali collegamenti tra questa famiglia e la successiva)

signori di Aigle

     
  Troncato di nero e d'oro, a due aquile dell'uno nell'altro
[VAN]

Aigle (d')
(del Paese di Vaud)
  (non sono ancora riuscito a trovare eventuali collegamenti tra questa famiglia e la precedente)
     
  Troncato di nero e d'oro, a due aquile dell'uno nell'altro, beccate e membrate di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  Di nero, all'aquila d'oro
[Rietstap]

Aigremont (d')
(del Paese di Vaud)
  (il primo signore di Aigremont è Aimone di Pontverre, 1332 circa)

signori di Aigremont

     
  Di rosso, alla banda d'oro
[François J. Rappard, Heraldica Helvetica, 1993, e Rietstap]

Aiguebelle (d')
  consignori di Villar Almese
     
  D'oro, al grifone coronato, di nero
[Dizionario Araldico Valsusino: è l'arma degli Aiguebelle del Delfinato]
     
  Di rosso, all'aquila d'argento
[SDF]

Aiguebellette (d')
 
     
  Di rosso, alla fascia alzata, scaccata d'argento e d'azzurro, di due tiri, accompagnata in capo da una stella d'oro, e da uno scaglione abbassato d'oro, accompagnato in punta da un'aquila d'argento

Ailloud
(Allioud)
(del Faucigny, anche nel Vaud)
 
     
  D'azzurro, alla quercia sradicata d'oro, accostata da due stelle d'argento
[CJB]

Ainval
 
     
  D'argento, al capo cuneato di rosso, con la banda d'azzurro, accostata da due filetti, pure d'azzurro, passante sul tutto
[SCB]

Alamand
(Aleman, Alleman, Allemand)
(del Delfinato, un ramo in Savoia)
  signori di Chambery, Esery, Mornay, Mornex, Thonon, Troche, Vozerier; consignori di Aubonne
     
  Di rosso, a tre teste di cavallo d'argento, 2, 1
[SDF]
     
  Di nero, al leone d'argento, con la cotissa di rosso passante sul tutto
[SDF, in cui si cita anche le varianti con il leone d'oro e la banda al posto della cotissa]
     
  Di nero, al leone d'argento, coronato, armato e linguato di rosso
[FVE e Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
  Di nero, al leone d'argento, armato e linguato di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  Di nero, al leone d'argento
[du Mesnil, Armorial historique de Bresse ...]
     
  (Gli Alamand da Saint Jeoire nel Faucigny)
D'azzurro, seminato di gigli d'oro, con la banda d'argento passante sul tutto
[SCB]
     
  (idem)
Di rosso, seminato di gigli d'oro, con la banda d'argento passante sul tutto
[CJB; è l'arma della celeberrima famiglia del Delfinato, da cui deriva la linea della Savoia]

Alard
 
     
  ARMA IGNOTA

Alart Esplan
 
     
  D'azzurro, al volo d'oro, con il capo del secondo, carico di tre stelle di rosso
[SCB]

Albareste
(Arbaleste, Arbareste)
(del Genevese)
 
     
  D'azzurro, a tre balestre d'oro, 2, 1
[GGM]

Albareste
(Arbaleste, Arbareste)
(di Chambéry)
  (famiglia con memorie dal XVI secolo)
     
  ARMA IGNOTA
[SDF, che però non esclude che si tratti della stessa precedente famiglia e che quindi ne porti l'arma; si fa anche menzione di un sigillo con una balestra accompagnata da due stelle, probabilmente quello indicato in GGM per la famiglia Arbalestier - vedi sotto]

Albenas (d')
(del Paese di Vaud)
  signori di Sullens
     
  Di rosso, al semivolo, accompagnato da tre stelle, 2, 1, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1. Nella figura sembra però essere rappresentato un volo]
     
  Di rosso, al semivolo d'argento, accompagnato da tre stelle d'oro, 2, 1
[VMA]

Albert
(da Chambéry)
  signori di Beauséjour, Fontaine, Hauterive
     
  Di nero, alla fascia d'oro, accompagnata da tre conchiglie di argento, 2, 1

Albert
(in Moriana)
  signori di Chamoux, Couz, Montendry, Montgilbert, Vimines
     
  Troncato, d'azzurro, al leone d'oro nascente dalla partizione, e d'argento, al cuore di rosso colpito da una freccia, di nero
     
    motto: IN SUIS VIRIBUS PRÆTIUM

Albert
des Bauges
 
     
  ARMA IGNOTA

Albert
de la Palud
 
     
  ARMA IGNOTA

Albert
(da La Roche)
 
     
  Di rosso, al braccio d'argento, vestito d'azzurro, tenente una T d'oro, sormontato da un giglio, pure d'oro
[SCB]

Albicis
de Arbicis
 
     
  ARMA IGNOTA

Albier (d')
(d'Alby)
(della Savoia, nel Genevese)
  conti di Ronco, Zumaglia; signori di La Croix de la Rochette, Ternier en Menthon, Verneil; consignori della Valle des Clets
     
  Di rosso, alla banda d'oro, carica di un semivolo di nero ritirato verso il capo
[SDF]
     
  Di rosso, alla banda d'oro, carica di un volo di nero ritirato verso il capo
[SDF e GGM. In GGM il volo carica il mezzo della banda]

Albier (d')
(d'Alby)
  signori di Châtelard en Bauges, Montdésir, Montvuagnard
     
  Losangato di rosso e d'argento

Albigny (d')
  (antica famiglia feudale, alcuni membri della quale adottarono il nome de Burgo)
     
  ARMA IGNOTA

Albis
(di Pully, originari della Francia)
 
     
  D'azzurro, al cigno d'argento, beccato e piotato d'oro, sormontato da un crescente, accostato da due stelle, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Albize
(Albisse, Albise)
(da Firenze, in Francia)
  (Jean d'Albizi, signore di Yvours, riceve il castello di Beauregard en Dombes)
     
  Di nero, a due anelletti concentrici, d'oro
[SCB e BBG]

Albrieux
(da San Giovanni di Moriana)
  baroni (1824)
     
  Di rosso, alla croce d’oro, trifogliata, sormontata da due stelle d’argento
[Manno]
     
  D'azzurro, alla croce trifogliata d'argento, accompagnata in capo da due stelle d'oro
[SDF]
     
  D'oro, al pioppo al naturale, sormontato da un sole d'oro, e accostato alla sommità da due stelle, dello stesso, il pioppo addestrato da un'aquila di nero, e sinistrato da un leopardo illeonito, di rosso, tenente una bandiera dello stesso, il tutto sulla campagna bandata d'argento e di rosso
[FVE e Manno, che aggiunge "ora si dicono De Valeminy e portano...". In SDF questa blasonatura è giudicata erronea e troppo complessa]
     
    motto: FRUCTUS ET FLORES IN ODOREM SUAVITATIS

Alciat
(Alciati)
(di Vercelli, a Ginevra)
  (vedi anche Blasonario Subalpino)
     
  Interzato in palo, al 1° d'azzurro, al cervo rampante d'oro, al 2° d'argento, alla torre d'azzurro, muovente dalla punta, al 3° d'azzurro, a quattro fasce d'argento, il tutto con il capo d'oro, carico di un'aquila di nero
[GGM]

Alée (de L')
(de l'Allée)
(di Annecy)
  baroni di Songy La Tornette, Villard; signori di Molettes, Montsassonex; consignori di Clefs, Manigod
     
  D'argento, alla banda d'azzurro, accompagnata da due stelle dello stesso, con il capo di rosso al crescente d'oro
     
    motto: BEATAE VIRGINIS LETAE

Alègre
 
     
  (arma antica)
Di rosso, seminato di gigli d'oro
[Rietstap]
     
  (arma moderna)
Di rosso, alla torre d'argento, mattonata di nero, accostata da sei gigli d'oro, disposti in due pali
[SCB e Rietstap]

Alex (d')
(di Annecy)
  signori di Alex
     
  Di rosso a tre fasce ondate d'oro
[SDF, con qualche dubbio espresso nel volume 6]

Alexandry (d')
d'Orengiani
(da Ivrea a Vercelli e in Savoia)
  signori di Cheney
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'azzurro,a tre soli d'oro, 2, 1; al 2° e 3° partito d'oro e d'azzurro, all'arancio di verde, fruttato d'oro (Orengiani)
[In SCB il 2° e 3° campo sono d'argento]
     
    motto: PULCHRIORI DETUR

Alery
  vedi Lucas

Alix
(Allix)
(di Morzine)
 
     
  Partito, al 1° d'argento, alla testa di lupo sormontata da una stella, il tutto di rosso, al 2° di rosso, al volo sormontato da una stella, il tutto d'argento
[CJB]

Allamand
(del Paese di Vaud)
  signori di Echichens
     
  D'azzurro, al volo d'argento
[VMA]

Allamand
(di Château d'Oex)
 
     
  D'argento, all'arciere vestito d'azzurro e di rosso, il cappello di nero, rivoltato, posato di profilo su un colle di tre cime di verde, scoccante una freccia da un arco d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Allardet
(Alardet)
(del Genevese)
  (famiglia con memorie dal XVI secolo)
     
  D'argento, alla banda d'azzurro, carica in capo e in punta da una stella d'oro, in cuore da un crescente del campo
[FVE, GGM e Galbreath, Armorial vaudois, vol.1, 1934. In SDF le stelle e il crescente sono a piombo]

Allégret
 
     
  ARMA IGNOTA

Alleman   (signori di Cormont, Essirier, Voserier?)
     
  Di rosso, a tre aquile d'oro, 2, 1
[SCB]
     
    motto: BEATAE VIRGINIS LETAE

Allevard
(forse del Delfinato)
  consignori di St. Jacquemoz
     
  ARMA IGNOTA

Allèves (d')
Allose (d')
(del Vallese)
  (secondo De Foras si tratta della stessa famiglia)
     
  D'azzurro, al gallo ardito d'oro, crestato e unghiato di rosso, posato su un colle di tre cime, di verde, e accompagnato in capo da due stelle, del secondo
[VAN]

Allières (d')
(d'Aiglères)
 
     
  ARMA IGNOTA

Alliez
Saint Martin
(del Canavese, nel Paese di Vaud e in Savoia)
  (linea dei Sanmartino)

consignori di Le Martheray

     
  Inquartato, rombegggiato d'oro e d'azzurro, e di rosso pieno
[VAM]

Allinges
(del Chiablese, nel Paese di Vaud, Genevese, Vallese e Savoia)
  marchesi di Aix (1655), Châtelard (1758), Coudrée (1655), La Chambre (1655), Lullin (1699); conti di Cevins, Langin, Val d'Isère; visconti di Tarantaise; baroni di Larringes, Montfalcon, Montfort; signori di Allinges, Apremont, Arbusigny, Ballaison, Bressieux, Brison, Colombier, Faucigny, Heuille, Loisin, Longefoy, Lully, Lutin, Mieussy, Neuvecelle, Piasco, Rochette, Romanel sur Morges, Sainte Hélène-des-Millières, Saint Jeoire, Saint Martin du Chêne, Ternier, Vuillierens
     
  Di rosso, alla croce d'oro
     
2 motto: SANS VARIER

Allinges
(Dallinges)
(di Rolle, nel Paese di Vaud)
 
     
  D'oro, alla croce a due traverse, d'azzurro
[VMA e CJB]

Alliod
(da Jugirieux, Bugey)
 
     
  Troncato, al 1° d'oro, all'aquila di nero, al 2° d'argento, a tre foglie di lauro di verde, uscenti da un ceppo dello stesso
[FVE e SDF, da Patenti di concessione di nobiltà e d'arma di Carlo V, registrate a Torino nel 1550]

Allioud
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, alla quercia sradicata, d'oro, accostata da due stelle d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Allodon (d')
 
     
  ARMA IGNOTA

Allonde (d')
(di Ugine)
  (famiglia con memorie dal XIII secolo)
     
  ARMA IGNOTA

Allonsier (d')
(d'Alonzié,
olim Fabri)

(della Savoia)
 
     
  D'azzurro, alla croce doppia di rosso, cucita, con la bordura d'oro

Allues (des)
 
     
  ARMA IGNOTA

Almeras
(dalla Provenza, nel Paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, linguato e armato di rosso, con il capo del secondo, carico di tre rami di palma, posti in banda uno accanto all'altro, di verde
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Charles d'Hozier, Armorial général de France]

Alois
(da Aiguebelle)
 
     
  D'azzurro, all'oca passante d'argento, con le ali aperte, accompagnata in capo da una stella, in punta da un crescente, il tutto d'argento
[SCB]

Alric
(di Perroy)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, armato e linguato di rosso, tenente un [...], di nero
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1: dall'immagine disponibile non sono riuscito a identificare l'oggetto tenuto dal leone]

Alric
(di Vevey, originari della Francia)
 
     
  Di rosso, al leone d'argento, armato e linguato d'azzurro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Alt (d')
(del Cantone di Friburgo, anche nel Paese di Vaud)
  (Jean Jacques d'Alt colonnello di un reggimento al servizio sabaudo, 1703-1704)

signori di Prévondavaux (Tieffenthal)

     
  Di rosso, alla ruota d'oro
[Ulrich Burgknecht, Schuldordnung und Satzungen der neuaufgerichteten und reformierten Schule zu Freiburg im Üchtland, 1577]
     
  Inquartato, al 1° e 4° di rosso, alla ruota d'oro, al 2° e 3° d'oro, al levriero saliente, di nero, collarinato d'argento
[A. de Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg]
     
  Inquartato, al 1° e 4° di rosso, alla ruota d'oro, al 2° e 3° d'oro, al levriero saliente, di nero, collarinato d'argento, sul tutto partito, di rosso, alla fascia d'argento, e d'oro, all'aquila bicipite, di nero
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1, e A. de Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg]

Amancy (d')
(d'Amancier)
(del Genevese)
  signori di Amancy, Barbania, Rivarolo e Bosconero, Rocca di Corio, Rumilly
     
  Di rosso, a tre fasce troncate d'oro e d'azzurro
[SDF]
     
  Di rosso, a tre fasce partite d'oro e d'azzurro
[GGM]
     
  Fasciato d'oro e di rosso
[Manno e FVE, ma citato anche in SDF]
     
  Di rosso, a tre pali troncati d'oro e d'azzurro
[SCB, ma citato anche SDF]

Amanges (d')
 
     
  Losangato d'argento e di nero, con il capo di rosso

Amardulf
  (famiglia con memorie dal XVI secolo)
     
  ARMA IGNOTA

Amaron
(di Denens)
 
     
  D'azzurro, a due speronelle d'oro, una sull'altra
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Amblard
de Chignin
  signori di Montagny, Montgelaz; consignori di Chignin
     
  D'argento, al leone di rosso, con la fascia d'azzurro carica di tre rose del campo, attraversante

Amblardet
de Tortollier
(della Savoia)
 
     
  Di rosso, allo scaglione d'argento, accompagnato da tre bisanti d'oro, 2, 1
[FVE]

Amblet
(da Annecy)
 
     
  D'azzurro, a due rose d'argento, disposte in palo, con il capo di rosso, cucito, carico di una rosa d'oro
[SCB]

Amblion (d')
 
     
  ARMA IGNOTA

Ambroys (des)
Ambrois - Maréchal
(da Bardonecchia)
  [vedi anche Blasonario Subalpino]

signori di St. Michel

     
  D'argento, inferriato di rosso e chiodato d'oro, alla banda d'azzurro, carica di tre gigli d'oro e attraversante
     
  (forse)
Inquartato di Ambrois e di Maréchal
[In SDF si ipotizza che portassero anche la loro arma inquartata con quella Maréchal o la sola arma Maréchal]

Ameysin (d')
(d'Amesin)
(da Yenne)
  signori di Ameysin, Connilieu, Le Villard
     
  D'argento, alla banda di rosso, carica di tre conchiglie d'oro

Amidouz (d')
(d'Amidoux)
(del Faucigny)
  signori di Beauregard, Châtellet sur St. Gervais, Symond, Vairier
     
  Di rosso, alla chiave all'antica d'oro, l'ingegno in alto, accompagnata in capo da due stelle dello stesso

Amiet
(di Grandson e Yverdon)
 
     
  D'azzurro, alla mano di carnagione, muovente dal lato sinistro dello scudo, sostente una colomba d'argento, rivoltata, tenente nel becco un ramoscello di ulivo, al naturale
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Amiguet
(di Grion e Ollon)
 
     
  Partito, al 1° d'oro, a nove filetti di rosso in banda, disposti a tre a tre, al 2° d'azzurro, alla fascia accompagnata in capo da un leone passante, in punta da tre stelle, 2, 1, il tutto d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Amodry (d')
(della Savoia)
 
     
  ARMA IGNOTA

Amoudruz
(Amaudruz)
(del Faucigny, in Chiablese e nel Paese di Vaud)
 
     
  Palato di rosso e d'oro, di quattro pezzi, con il capo d'azzurro, carico di una rosa, accostata da due stelle, il tutto d'argento
[CJB e D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1: qua la rosa è bottonata d'oro]

Ancel
(Ansel, Anselm)
(da Yverdon)
  consignori di Cheire
(non sono certo al 100% che siano questi gli Ancel di Cheire; potrebbero anche essere la famiglia che segue)
     
  D'azzurro, al crescente d'argento, accompagnato da tre stelle dello stesso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; anche in Rietstap]
     
  D'azzurro, al crescente d'oro, accompagnato da tre stelle d'argento
[VMA]
     
  D'azzurro, al ferro da mulino d'oro, accostato in capo da una stella (6), pure d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; anche in Rietstap]

Ancel
(da Yverdon)
 
     
  D'oro, al leone di rosso, con la sbarra del campo, carica di tre moscature di ermellino, attraversante
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Andans (des)
(des Andens)
(da Mégève, a Sallanches)
 
     
  D'argento, al ramo di quercia verde in palo, reciso di sopra e di sotto, con tre foglie verdi, ciascuna carica di una galla d'oro
     
    motto: DU DUR FRUICT ET VERDEUS

Andelot (d')   baroni di Pressia; signori di Lessot, Marmont, Verneys
     
  Di rosso, al giglio d'oro
[GGM e BBG]

Andelot
(Andillot)
(della Franca Contea, in Savoia)
 
     
  Scaccato d'oro e d'azzurro, al leone di rosso, sul tutto
[SCB]

André (Saint, de)
(del Genevese)
 
     
  D'oro, al decusse scorciato di rosso, il campo calzato ondato d'azzurro
[GGM e Riestap]
     
  D'azzurro, al decusse scorciato di rosso, il campo calzato ondato d'oro
[così in VMA: potrebbe anche trattarsi di un'errata inversione degli smalti]

Andrevet
(da Montmélian)
  baroni di Corsant; signori di Montfalcon con Albens e Biolle
     
  D'argento, a tre fasce di nero, con la banda di rosso attraversante

Andrier
 
     
  D'oro, al decusse di rosso, accantonato da quattro rose dello stesso
[CJB]

Andrion
(Andrione)
(da Cavour, emigrati a Ginevra)
  (vedi anche Blasonario Subalpino)
     
  D'argento, alla stella di rosso, accompagnata da tre cuori dello stesso, 2, 1
[anche in GGM e Rietstap]

Anet
(di Nyon)
 
     
  D'oro, a tre pali d'azzurro, con il capo d'argento, carico di due piante d'aneto, di verde
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Anex
(di Gryon e Ollon)
  (famiglia con memorie dal XVI secolo)
     
  D'argento, al giglio di rosso, accostato da due alberi, di verde, con il capo di nero, carico di due fiori, d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Angeville (d')
(da Bassigny in Champagne, in Savoia)
  baroni di Allonzier, Ternier, Lornay, Villy le Pelloux; signori di (Le) Chesnay, Douvre, Maxilly, (Le) Mestral; consignori di Colliette
     
  Di verde, a due fasce ondate d'argento
[SDF]
     
  Di verde, a tre fasce ondate d'argento
[GGM e Rietstap]
     
  Di verde, a tre fasce d'oro
[Annuaire de la Noblesse de France, 1843, Bibliothèque nationale de France]
     
    motto: IN HIS RENASCIMUR OMNES

Angleys
  baroni (1842)
     
  D'argento, alla fascia di rosso, carica di un leone passante rivoltato, d'oro, accompagnata da due leoni passanti di rosso, uno in capo e l'altro in punta

Angloz
(d'Anglo, d'Anglou)
(forse da Hauteville sur Fier)
  signori di Angloz
     
  D'argento, all'albero di verde

Anglure (d')
(dalla Lorena, nel paese di Vaud)
  (antica celebre famiglia lorenese. Isabelle d'Anglure è la suocera di Renato di Savoia, conte di Tenda)

baroni di Châtelard

     
  D'oro, seminato di sonagli d'argento, cuciti, ciascuno sostenuto da un crescente di rosso
[VMA. Segnalo che l'Armoriale Gelre riporta (f 48e) l'arma di Oger V d'Anglure: al posto dei crescenti ci sono degli angoli, che si alternano ai sonagli]
     
    motto: SALADIN!
DAMAS!

Angot
(dalla contea della Marche, in Savoia)
  marchesi di Cruseilles (1681); signori di Castino, Cuvat, Monthoux, Pringy
     
  D'argento, all'aquila bicipite dell'Impero, con una rondine di nero, beccata d'oro, volante nella punta dello scudo
     
    motto: SORTI RESISTIT VIRTUS

Angreville (d')
(dalla Francia, in Vallese)
 
     
  D'oro, al busto di cavallo d'argento, crinito di rosso, muovente dalla punta, posto di fronte, e sormontato da un giglio, di rosso

Anières (d')
(d'Agnères)
(della Savoia)
  signori di Veigié; consignori di Hauteville, Vuaz
     
  D'argento, allo scaglione d'azzurro, carico di cinque bisanti d'oro, accompagnato da tre teste di cavallo, di nero, allumate del campo

Anniviers (d')
(del Vallese)
  signori di Anniviers
     
  Partito di rosso e d'oro, a due stambecchi rampanti, dell'uno nell'altro, il primo rivoltato
[VAN]
     
  Partito di rosso e d'argento, a due stambecchi rampanti, dell'uno nell'altro, il primo rivoltato
[Armorial Valaisan - Walliser Wappenbuch, 1946]

Anselme
(della Savoia)
  conti di Montjoye; baroni de L'Orme, Menthonnex; signori di Cupelin, Montrevand, Planaise, Renauld, Truchet
     
  D'azzurro, inferriato d'oro
     
  D'oro, inferriato di nero

Anseney
 
     
  ARMA IGNOTA

Anthonioz
(da Bonneville)
 
     
  D'azzurro, alla torre d'argento, accostata da due grifoni d'oro, affrontati, e da una stella d'argento in punta
[SCB]

Anthy (d')
(Anthier)
  signori di Les Terraux
     
  ARMA IGNOTA

Antioche (d')
(ciprioti)
  signori di Duyn, Yvoire; consignori di Borgaro Torinese
     
  Di rosso alla fascia, sormontata da tre gigli, ordinati in fascia, il tutto d’oro

Antigny (d')
 
     
  D'azzurro, alla croce d'oro
[SCB]

Apchon
  baroni di Saint Germain
     
  D'oro, seminato di gigli, d'azzurro
[SCB]

Apples (d')
(Dapples)
(del Paese di Vaud)
  vedi Dapples

Apponay (d')
(Apponex)
  signori di Apponay, Le Noyer
     
  ARMA IGNOTA

Aragno (de)
(de Arna)

  sires

(Lo stemma è identico a quelli dell'omonima famiglia di Benevagienna, una delle quattro casate militari. Non sono riuscito a trovare informazioni su eventuali collegamenti tra le due famiglie)

     
  D'azzurro, alla torre d'argento muovente dalla punta, con la fascia di rosso, bordata d'argento, attraversante, e due filetti in palo d'oro, attraversanti sul tutto
[VAN e Armorial Valaisan - Walliser Wappenbuch, 1946]

Arbalestier
(del Genevese)
 
     
  Di [...], alla balestra di [...], accompagnata in capo da due stelle di [...]
[GGM, da un sigillo del 1551; in due sigillo del 1536 e 1567 mancano le stelle]

Arbie
(della Bresse)
 
     
  D'argento, alla banda d'azzurro, carica di tre teste di cervo, d'oro
[D'Hozier, Armorial général de France]

Arbignon (d')
(d'Erbignon)
(da Collonges)
  signori di Collombey, Ormonts, Saint Paul, Saint Triphon, Val d'Illiez
     
  D'azzurro, al decusse d'oro, carico di cinque rose, di rosso
[SDF e VMA. Nell'Armorial Valaisan - Walliser Wappenbuch, 1946 le rose sono bottonate d'oro e barbate di verde]
     
  D'azzurro, al decusse d'oro, carico di cinque rondelle, di rosso
[VAN]

Arbonnier (d')
(di Orbe)
  signori di Oppens, Disy
     
  Troncato dentato d'azzurro e d'oro
[VMA]
     
  Troncato dentato di tre pezzi, d'azzurro e d'oro, le tre punte d'oro sostenenti rispettivamente una bandiera, una sfera e un pettine, il tutto d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1, alla voce Darbonnier]

Arbre (de l')
 
     
  ARMA IGNOTA

Arbusigny (d')
 
     
  ARMA IGNOTA

Arces (d')
  signori di Arces, La Bâtie sur Meylan, La Bayette, Burlet, Montbivos, Réaumont
     
  D'azzurro, al quartier franco d'oro
     
  (la linea francese di Domêne)
D'azzurro, al quartier franco d'oro, con la banda (o cotissa) composta d'argento e di rosso
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
    motto: LE TRONC EST VERT ET LES FEUILLES SONT ARSES

Arche (de l')
(del Genevese)
 
     
  D'azzurro, al cofano d'oro, con il capo d'argento, carico di tre stelle, di rosso
[GGM]

Archer
(di Bursinel)
 
     
  D'azzurro, a tre frecce d'oro, la punta in basso, 2, 1
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Archier
(del Faucigny)
 
     
  ARMA IGNOTA

Archinard
(di Losanna, originari francesi)
 
     
  D'azzurro, a quattro filetti in banda, d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Archinard
(di Trélex, originari francesi)
 
     
  D'azzurro, a cinque filetti in sbarra, d'oro, con la mano di carnagione, muovemte dal lato sinistro, impugnante un'arco con la freccia incoccata, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Arcine (d')
(del Genevese)
 
     
  D'azzurro, alla torre d'oro, aperta del campo
[GGM]

Arcines (d')
(d'Arcine)
(della Savoia)
  signori di Arcines
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'argento, al grifone di rosso, armato d'azzurro, al 2° e 3° di rosso, all'aquila d'argento[SDF]

Arcollières (d')
  signori di Arcollières
     
  D'azzurro, alla spada d'argento, con l'elsa d'oro, in palo, addestrata da un giglio dello stesso
     
  D'azzurro, alla spada d'argento, con l'elsa d'oro, in palo, accostata da due gigli dello stesso

Arconciel (d')
(del cantone di Friburgo)
  signori di Arconciel, Marly
     
  D'oro, al leone d'azzurro
[A. Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg

Arculinge (d')
 
     
  ARMA IGNOTA
[In SDF si cita un sigillo (1367) di Nicolet d'Arculinge, poco leggibile, ma che sembrerebbe forse rappresentare una torre circondata da bisanti o stelle]

Ardin
(di Gingins)
 
     
  Di rosso, alla torre d'argento, aperta del campo, fiammeggiante d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Arenthon (d')   (forse discendenti dai Faucigny-Lucinge)

baroni di Alex; signori di Châtillon, Chesenay, Les Clets, Ferrières, Monterre; consignori della Valle des Clets, Manigod

     
  Bandato d'argento e di rosso
     
1

Arerex (d')
(dei Bailliages o del Paese di Gex o del Chiablese)
  signori di La Tour di Foras, Menthonnex
     
  Di nero, al decusse, accompagnato in capo da due crescenti, disposti in fascia, il tutto d'oro
     
  (il ramo passato in Normandia)
D'azzurro, al decusse dentato, d'oro

Arestan
(di Chambéry e La Roche)
  baroni di Montfort; signori di Chamoux, Montendry, Montgilbert
     
  D'azzurro, alla lisca di pesce posta in banda, accompagnata da due stelle, il tutto d'argento

Arestel (d')
(di Chambéry, originari del Bugey)
  signori di Gruières, Hostel, Teysieu
     
  D'azzurro, al toro furioso, d'oro
[talora il toro è accompagnato da una stella d'oro nel cantone destro del capo]
     
  D'azzurro, al toro furioso, d'oro, accompagnato da una stella d'argento, nel cantone sinistro del capo
     
  Di rosso, al toro furioso, d'oro
     
  (i de Lauzière, che hanno ereditato il nome d'Arestel)
D'oro, al toro furioso, di rosso, sinistrato da una stella dello stesso

Arguère
 
     
  D'argento, a tre corvi di nero, 2, 1
[SCB]

Arith (d')
(di Lescheraine, nei Bauges)
 
     
  ARMA IGNOTA

Arlaud
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, all'arco d'argento, posto in fascia, accompagnato da tre stelle dello stesso, 2, 1, con la campagna fasciata ondata d'argento e d'azzurro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Arlaud
(di Orbe)
 
     
  D'azzurro, alla mano di carnagione, uscente da una nuvola, muovente dal lato sinistro, e impugnante un'arco, il tutto d'argento, accompagnato in capo da due stelle, pure d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Arlod (d')
(della Savoia)
  signori di Albeterre, Arlod, Leymen, Mons en Semine, La Servette
     
  Di nero, al leone d'argento, armato e linguato di rosso
[in GGM c'è solo questa versione]
     
  Di nero, al leone d'argento
     
    motto: NOBILIS, MILES, POTENS

Arlod (d')
olim Maitre Pierre
(di Ginevra)
  signori di Arerex, Confignon, Vège
     
  D'azzurro, alla rosa, sormontata da tre stelle in fascia, il tutto d'oro
[anche in GGM]

Armand
(da Chambéry)
 
     
  ARMA IGNOTA

Armand
de Châteauvieux
(dalla Francia, nel Genevese)
 
     
  Di rosso, alla fascia scaccata d'argento e di nero, di tre file, accompagnata in capo da un crescente d'argento, in punta da un toro d'oro
[GGM]
     
  Di rosso, alla fascia scaccata d'argento e di nero, di tre file, accompagnata in capo da un crescente, in punta da un toro, il tutto d'oro
[Charles d'Hozier, Armorial général de France, e Rietstap]
     
  D'azzurro, alla fascia scaccata d'argento e di nero, di tre file, accompagnata in capo da un crescente, in punta da un toro, il tutto d'oro
[Charles d'Hozier, Armorial général de France]

Arnaud
(da Chambéry)
 
     
  ARMA IGNOTA

Arnaud
(da Moutiers)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, armato e linguato di rosso
[FVE e SDF]
     
    motto: A.N.P.O.

Arnay (d')
(d'Arnex)
(di Arnex sur Orbe, nel paese di Vaud)
 
     
  D'argento, alla croce di nero
[VMA e Rietstap]
     
  D'oro, alla croce di nero, carica in cuore da una stella d'argento
[probabile brisura di un ramo della famiglia, citata in http://retro.seals.ch/cntmng?pid=rhv-001:1915:23::530]

Arnex (d')
(di Arnex sur Nyon, nel paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, seminato di triangoli di nero, con il leone dello stesso attraversante
[Rietstap. In SDF, vol. 6 - supplemento, alla voce d'Arnex è citata quest'arma come presente in VMA: io però non sono riuscito a trovarla]

Arnod
(Arnodi)
(di Romainmôtier)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro
[VMA e Rietstap]

Arnollet
(in Tarantasia)
 
     
  ARMA IGNOTA

Arpeaud
(Arpiau, Arpiaud, Arpeau)
(di Annecy, a Lione e poi nel Paese di Vaud e a Ginevra
  signori di Le Rosey, Troches
     
  Di rosso, a tre teste di cervo d'oro, impalcate di tre pezzi, poste 2, 1, con il capo d'oro, carico di un biglietto d'azzurro, sovraccaricato da tre bisanti, d'oro
[SDF. FVE, riprendendo Besson, cita in più un trifoglio d'oro in abisso, tra le tre teste di cervo]
     
  Di rosso, a tre teste di cervo d'oro, impalcate di tre pezzi, poste 2, 1, con il capo di rosso, bordato d'argento, carico di tre bisanti, d'oro
[SCB]
     
  Di rosso, a tre teste di cervo d'argento, 2, 1, con il capo d'argento, carico di tre tortelli, d'azzurro
[VMA e Rietstap]
     
  Di rosso, a tre teste di cervo d'oro, 2, 1, con il capo d'argento, carico di tre tortelli, d'azzurro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1, e CJB]

Arragon
(Aragon)
(del Faucigny)
  (famiglia nobilitata nel 1444 o 1445)
     
  D'azzurro, alla banda troncata d'argento e di rosso

Arsenay (d')
(de Puigros)
 
     
  ARMA IGNOTA

Arsent (d')
(del Cantone di Friburgo, anche nel Paese di Vaud)
 
     
  Partito d'argento e di rosso, a due rose dell'uno nell'altro
[A. Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg]

Arthaud
de la Rochette
 
     
  ARMA IGNOTA

Arve (d')
(della Moriana)
  (forse: mistrali della valle des Arves)
     
  Tagliato di rosso e d'oro, al bastone noderoso posto in banda, dall'uno nell'altro

Arvey (d')
(Malesmans, de Puigros)
  signori di Arvey, Puisgros
     
  ARMA IGNOTA

Arvillard (d')
(della Savoia)
  signori di Arvillard, la Bâtie d'Allevard
     
  D'oro, all'aquila di azzurro, coronata, rostrata e membrata di rosso
     
  D'argento, all'aquila di azzurro, spiegata d'oro, membrata di rosso
[SCB]
     
    motto: NUBE ALTIUS

Asard   signori di Buffières
     
  D'oro, al leone di verde, armato e linguato di rosso

Ascher
 
     
  ARMA IGNOTA

Asperlin (d')
(d'Asperling)
(di Rarogne in Vallese, un ramo brevemente anche in val d'Aosta)
  signori di Bavois, Lignerolle
     
  D'oro, al leone d'azzurro, coronato e lampassato di rosso
[VAN e VMA. In Rietstap il leone è anche armato di rosso]

Astesan
  conti
     
  D'argento, a tre gigli al naturale, gambuti e fogliati di verde, il gambo uscente da una terrazza di verde, con il capo d'azzurro, carico di una stella (7) d'argento, il capo sostenuto di rosso

Attalens (d')
(del cantone di Friburgo)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con la banda di rosso, attraversante
[VMA]

Auberjonois (d')
(da Yverdon)
  (famiglia con memorie dal XIV secolo)
     
  Di rosso, allo sperone, con la rotella in alto, accompagnato in punta da un colle di tre vette, il tutto d'argento
[VMA]
     
  Di rosso, allo sperone, con la rotella in alto, accostato da tre stelle, 2, 1, il tutto d'argento, e accompagnato in capo da un colle di tre vette, di verde
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Aubert
(di Avenches)
 
     
  D'azzurro, allo scaglione, accompagnato in capo da due stelle, in punta da un cuore sormontato da una crocetta, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Aubert
(del Genevese, originari di Langres)
 
     
  Di nero, alla colonna d'oro, muovente dalla punta, il capitello cimato da una fiamma di rosso, la colonna accostata in capo da una stella (6) d'oro, ai fianchi da due stelle d'argento
[GGM]

Aubert
(di Le Chenit)
 
     
  Partito, al 1° troncato, d'azzurro, alla stella d'argento, e d'argento, a quattro sbarre di verde, con la fascia di rosso sulla partizione, al 2° d'argento, al clarinetto posto in palo, al naturale
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Aubespin
(Aubespin)
 
     
  D'azzurro, al decusse accostato da quattro biglietti, il tutto d'oro
[SCB]

Aubier
 
     
  ARMA IGNOTA

Aubonne (d')
(del Paese di Vaud)
  signori di Aubonne (la linea primogenita); consignori di Aubonne (la linea cadetta)

(ritengo probabile che la prima delle tre armi che seguono appartenga alla linea primogenita, estintasi all'inizio del XIV secolo, mentre le altre due siano da attribuire alla linea cadetta. Infatti l'arma con il crescente ricorda un sigillo di Jacques d'Aubonne del 1294; inoltre in GGM accanto alla terza arma compare l'indicazione conseigneurs du dit lieu]

     
  D'azzurro, al crescente, accompagnato da tre stelle, 2, 1, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  Palato d'argento e di rosso, con il capo d'oro, carico di un leone nascente, di nero
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  Di rosso, a due pali d'azzurro, cuciti, con il capo d'oro, carico di un leone nascente, di nero
[VMA]

Aubonne (d')
(di Morges e Nyon)
  signori di Bassins, Crassier, Lussery, Preverenges
     
  D'azzurro, a tre pali scorciati, d'argento, quello di mezzo posto in banda

Aubriot-La Palme
(di Chambéry?)
  signori di Alpigny, Marcellaz

conti (1839)

     
  Troncato, al 1° d'azzurro all'elmo d'argento aperto e di fronte, al 2° d'argento a due rami di palma di verde, decussati, caricati di una corona d'alloro dello stesso

Aubry
(dalla Guascogna, in Savoia)
  baroni
     
  ARMA IGNOTA

Audacio (de)
(du Daz)
(forse da Moncalieri?)
 
     
  Di [...], alla banda di [...], accompagnata da sei conchiglie di [...], in orlo

Audé
  baroni
     
  D'azzurro, alla campana d'oro, con il battacchio dello stesso

Audemars
(di Le Chenit)
 
     
  Partito, al 1° d'azzurro, a tre stelle d'argento, 2, 1, sormontate da una colomba pure d'argento, volante verso la partizione, al 2° d'argento, alla torre di rosso, sulla pianura di verde, e sostenente una bandiera pure di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Audéoud
(di Cudrefin, originari della Francia)
 
     
  D'azzurro, all'ancora d'oro, accostata da due besanti
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Auteville (d')
(del Genevese)
  (famiglia con memorie dal XIV secolo)
     
  Palato d'argento e di rosso, di 8 pezzi, con la fascia del secondo passante sul tutto
[SCB]
     
  Palato d'argento e di rosso, di 8 pezzi, con la fascia d'azzurro passante sul tutto
[Annuaire de la Noblesse de France, 1843]

Aux (d')
(Daux)
(di Losanna)
  signori di Crissier, Prilly
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato in capo da due speronelle (6), pure d'oro, in punta da una rosa d'argento
[VMA]

Avalon (d')
(della Tarantasia)
  signori di Saint Paul sous Conflens; consignori di La Val de Bozel
     
  Di rosso, all'aquila bicipite d'argento
     
  Di rosso, all'aquila bicipite con il volo abbassato, d'argento

Avanchy (d')
(d'Avanchier)
  signori di Avanchy, Ozegna
     
  Partito d'argento e di rosso, alla cotissa d'oro attraversante

Avenches (d')
(del Paese di Vaud)
  signori di Olière, Rolle, Rosey
     
  Di rosso, al cinghiale saltante d'oro

Avenières (des)
(d'Avenières)
(del Genevese o del Bugey?)
 
     
  Di rosso, a tre covoni d'oro, con uno scudetto d'ermellino in cuore
[GGM]

Avet
  vedi Blasonario Subalpino

Avise (d')
  vedi Blasonario Subalpino

Avonay (d')
(del Paese di Vaud)
 
     
  Di rosso, alla croce latina losangata, con il piede biforcato, d'argento, con la fascia dentata d'oro, attraversante sul tutto

Avressieux (d')  
     
  ARMA IGNOTA

Avrieux (d')
(d'Apvrieulx)
(della Moriana)
  signori di Avrieux
     
  D'azzurro, alla fenice sulla sua immortalità, d'argento, fissante un sole d'oro, nel cantone destro del capo
     
    motto: VIRTUS POST FUNERA VIVIT

Avril (d')   consignori di Hauteville
     
  ARMA IGNOTA

Avril (d')
(d'Apvril)
(da Saint Génix d'Aosta)
  signori di Jairsagne; baroni
     
  D'oro, al bastone attorcigliato, di nero, posato in fascia molto abbassata, sostenente a destra un uccello, dello stesso, beccato e membrato di rosso, la testa voltata a destra, e a sinistra un ramo fogliato, di verde, tenuto da un destrocherio di carnagione, vestoto di rosso, muovente dal lato sinistro dello scurdo
[SDF, volume 6]
     
  (per informazione si riporta l'arma data da Baud per la famiglia Avril o Apvril di Abondance e Taninges)
D'oro, all'albero di verde, sorgente da un colle di tre vette, pure di verde, uscente dalla punta dello scudo, accompagnato in capo da due crescenti, di rosso

Avrillon
de la Cour
(da Thônes)
 
     
  Di rosso, alla banda d'oro, carica di una stella del campo, ritirata verso il capo, e accostata da sei rose d'argento, in cinta
[SCB]

Avully (d')
(del Chiablese)
  signori di Avully; consignori di Cervens
     
  ARMA IGNOTA

Ayblot
(Eblot, Heyblot)
(dalla Lorena, in Savoia)
 
     
  ARMA IGNOTA

Aymavigne (d')
  signori di Aymavigne
     
  ARMA IGNOTA

Ayme (d')
(della Tarantasia)
 
     
  ARMA IGNOTA

Aymon
de Montépin
  signori di Les Forges, Montépin
     
  D'azzurro, al bisante d'oro, in abisso
[Patenti di nobilitazione, SCB, FVE]
     
    motto: TURBANT SED ESTOLLENT

Aynaud
(Eynaud, Heynaut)
  signori di Nycudet
     
  D'azzurro, alla croce d'oro, accantonata da una stella, dello stesso, in ciascun cantone del capo

Ayton (d')
(della Moriana)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bachellard
(da Semine)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bachet   signori di Mézériac (Meyseria), Vauluysant
     
  Di nero, al triangolo d'oro, con il capo cucito, d'azzurro, carico di tre stelle d'oro, ordinate in fascia
     
    motto: NESCIT LABI VIRTUS

Bachod   signori di Saint Denis, La Verdatière
     
  D'azzurro, al monte di tre cime, sormontato da una stella a sei raggi, il tutto d'oro
     
  D'azzurro, al monte di tre cime, d'oro, sormontato da una stella, pure d'oro, accostata da due crocette d'argento
[BBG]

Bacholet
(Bachollet)
 
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato da tre stelle d'argento
[SCB, ma ripreso anche in SDF, pur con qualche riserva]

Bacin (de)
(de Bassin)
  signori di Bassens (Bacin)
     
  ARMA IGNOTA

Bacin   consignori di Chignin
     
  D'azzurro, alla banda di rosso, bordata d'argento, carica di tre stelle del terzo

Badel
(del Genevese)
  consignori di Le Martheray
     
  D'argento, alla banda d'azzurro, carica di tre stelle d'oro
[GGM]

Badel
de Moinsel
(di Nyon)
  signori di Moinsel
     
  D'oro, alla banda d'azzurro, carica di tre stelle del campo
[VMA]

Bagard (de)
(de Bagars)
(da Nimes, in Savoia)
  signori di L'Alée, Louvières
     
  D'oro, all'olivo sradicato di verde, sormontato da un decusse scorciato, di nero, e accompagnato in capo da due stelle di rosso

Bagiè (de)   signori di Arbigneux, Bereins, Le Bioley, Montargent
     
  D'argento, alla fascia merlata di tre pezzi e due mezzi, d'azzurro, con il capo di rosso, carico di tre stelle d'oro

Bagnale
 
     
  D'azzurro, a tre stelle d'oro, 2, 1, con il capo d'argento, carico di un'aquila di nero
[SCB]

Baillans (de)
(di Verboz)
  signori di Moisy, Verboz, Vignères; consignori di Semine
     
  Partito, controfasciato, d'argento e di nero
     
  D'argento, a tre fasce di nero
     
  Di nero, a tre fasce d'argento

Bais
 
     
  D'oro, alla fascia di rosso, carica di tre besanti d'argento
[SCB]

Baitas
de Doucy
(del Genevese)
 
     
  D'azzurro, a tre fiamme d'oro, 2, 1
[SCB]

Bal (du)
 
     
  D'azzurro, allo scaglione di rosso, bordato d'argento, accompagnato da tre stelle dello stesso
[SCB]

Balard
(del Genevese)
  (famiglia nobile con memorie dal XIV secolo)
     
  Di [...], alla banda bordata di [...], la bordura guarnita di trifogli di [...]
[GGM, da sigillo del 1543]

Balland
(Baland)
(da Chambéry)
  signori di Les Molettes, Villaroux
     
  D'argento, al braccio destro d'argento, vestito di rosso, movente dal lato sinistro del capo, tenente una bilancia d'oro
     
  D'azzurro, alla bilancia accostata da due stelle, il tutto d'oro, sormontata in capo da una stella raggiante, pure d'oro, e in punta da un crescente d'argento
[SCB, per i Baland da Pont de Vaulx. La stessa arma in Annuaire de la Noblesse de France, 1843, Bibliothèque nationale de France. La blasonatura data in BBG e ripresa in FVE è leggermente diversa]
     
    motto: AULTRE QUE LA RAISON

Balleyson (de)
(de Ballaison, de Balayson)
(del Chiablese)
  baroni di Balleyson, Hermance; signori di Avanchy, Beauregard, Boisy, Chavannex, Loisin, Saxel
     
  D'ermellino, alla banda di rosso
     
  (arma di un Balleyson, partecipante a un torneo a Ginevra nel 1498, citata da Besson e ripresa in CJB e SDF)
D'ermellino, alla banda d'oro, carica di una rosa, di rosso
     
  (per completezza, si riporta l'arma che De Tillier assegna ai Balaison, dalla Bressa, in Tarantasia e poi in val d'Aosta)
Inquartato, di rosso e vaiato d'oro e di nero

Balliand
(ciprioti)
  signori di Arlod
     
  ARMA IGNOTA

Balliand Verbos
  signori di Verbos
     
  D'argento, a tre fasce di nero
[SCB]

Ballin
(Balin)
 
     
  Di [...], al leone di [...], con la coda stretta tra le zampe posteriori

Ballon (de)  
     
  D'argento, alla croce trifogliata, di nero
[De Foras]
     
  Di rosso, alla croce trifogliata, d'argento
[SCB]

Bally
(da Saint Pierre d'Albigny)
 
     
  D'argento, al ramo di rosa di verde, fiorito di tre pezzi, di rosso, con il capo di verde, carico di una colomba d'argento, tenente nel becco, una rosa di rosso, fogliata d'argento

Bally
(da Chambéry)
  signori di Saint Vincent
     
  ARMA IGNOTA

Bally
(Bailly)
(da Gruffy)
 
     
  D'azzurro, al levriere corrente d'argento, collarinato di rossoo
[Antoine Philibert Bally, vescovo di Aosta, 1659-1691: de Tillier, Chronologies]

Bally
d'Alby
(da Viuz en Sallaz)
 
     
  (ramo di Viuz en Sallaz, Saint Didier)
Di rosso, allo scaglione d'oro, accompagnato da tre stelle dello stesso, 2, 1, con in capo un crescente, pure d'oro
[SCB e CJB]
     
  (ramo du Pays de Gavot)
Di rosso, allo scaglione d'oro, accompagnato da tre stelle d'argento, 2, 1, con in capo un crescente, d'oro
[CJB e SDF, da Besson]

Bally
(de La Roche e Bonneville)
 
     
  D'azzurro, al diamante d'argento in cuore, accompagnato da tre fasce d'oro, una sopra e due sotto
     
    motto: PREMITUR SED NON OPPRIMITUR

Balmat
(da Chamonix)
 
     
  D'azzurro, al monte d'argento, forato da una grotta di nero, muovente dalla punta, sormontato da un alerione d'oro, accostato da due besanti dello stesso
[CJB]

Balme (de La)
Apremont
  signori di Apremont, Avressieux, Lay, Les Marches, Silans
     
  Fasciato d'oro e di nero
[Besson, citato da SDF]
     
  D'oro, a due fasce di nero
[Besson, citato da SDF]
     
  Di rosso, alla croce d'argento
[BBG, ripreso da SCB: talora la croce è alesata]

Balme (de La)
La Molière
  signori di Charansonay, La Molière, Longefan, Puisgros, Les Terraux; consignori di Marsy
     
  D'azzurro, a tre bande d'oro

Balme (de La)
Montvernier
(della Moriana)
  signori di Montvernier, Les Rossets
     
  D'oro, al leone di nero, allumato, lampassato, armato e osceno di rosso
     
  (arma della nobile famiglia Gras o de Grassis, adottata in sostituzione della precedente, quando questa famiglia divenne proprietaria de La Balme)
Di rosso, alla fascia d'oro, accompagnata in capo da una stella dello stesso, in punta da un uccello d'argento
[indicazione in SDF, volume 6]

Balme (de La)
du Tiret
  signori di Ambronnay, Le Tiret
     
  Di rosso, alla banda d'argento, bordata d'oro, accompagnata da sei bisanti d'argento, ordinati in cinta

Balme (de La)
du Goulaz
 
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, con il capo d'argento
[SCB]

Balme (de La)
Audert
 
     
  Palato d'oro e di rosso, con la banda di nero attraversante
[SCB]

Balmes (des)
(des Baulmes, Beaulmes, Balma)(dalla Savoia, nel Genevese)
  signori d'Essert
     
  D'argento, all'aquila d'azzurro, beccata e membrata di rosso
[VMA e GGM, ripreso in SDF]

Balmettes (de)   signori di La Tour de Landry
     
  D'azzurro alla banda d'oro, carica di tre teste di leone, di rosso, e accompagnata da due stelle d'argento

Balmey   signori di Balmey, Dorches
     
  D'ermellino, al cantone sinistro, d'argento, carico di un'aquila, di nero
[SCB. In BBG e FVE l'aquila è bicipite]

Balon
(dalla Savoia, in Provenza)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con il capo di rosso, cucito, carico di un cuore d'argento, accostato da due rose dello stesso

Balthasar (de)
(del Paese di Vaud)
  signori (baroni?) di Prangins
     
  Troncato, al 1° d'oro, al leone di rosso, nascente, al 2° d'azzurro, a due serpenti d'argento, allacciati in palo
[VMA]

Banains (de)   signori di Banains, Vuache
     
  D'azzurro, a cinque anelletti d'oro, disposti in decusse

Banquettes (des)  
     
  ARMA IGNOTA

Baptendier
(della Moriana)
  signori di Chandore, Villaret
     
  Di verde, al palo d'argento, carico di un leone di nero
[SDF]
     
  Di rosso, al palo d'oro, carico di un leone di nero
[SCB]
     
  D'oro, a due pali di rosso, con un leone di nero nel mezzo
[Besson, citato in SDF, e BBG]

Baptossard
(Batosard, Bapthozard, Balthazard)
  signori di Le Borjal, Chézenay; consignori di Alex, La Charnée
     
  ARMA IGNOTA
[SDF]
     
  D'azzurro, a tre anitre d'argento, 2, 1, sormontate da due rami d'olivo decussati, d'oro, con il capo d'oro, carico di un leone nascente, di nero
[SCB, alla voce Balthasar]

Barandier
(di Chambéry)
  signori di La Gorge, Thouvet
     
  D'azzurro, alla testa di leone coronata, d'oro
     
    motto: NOSCE TE IPSUM

Barban
(da Modena, in Savoia)
  (famiglia di ufficiali al servizio del duca di Savoia. De Foras ipotizza che il nome italiano fosse Barbano o Barbani)
     
  ARMA IGNOTA
[SDF]
     
  (i Barabani di Modena)
Inquartato, al 1° e 4° d'azzurro, alla stella (8) d'oro, al 2° e 3° d'oro, alla stella (8) d'azzurro, con il capo di rosso, carico di un uccello d'oro
[Biblioteca Estense Universitaria, Modena]
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'azzurro, alla stella (8) d'oro, al 2° e 3° d'oro, con il capo di rosso, carico di un uccello d'argento
[Biblioteca Estense Universitaria, Modena]

Barbéry
(Barberis)
(da Bibiana)
  (vedi Blasonario Subalpino)
conti palatini (1536)
signori della casaforte di Lescheraine, Saint Avre
     
  Troncato, al 1° d’argento all’aquila bicipite di nero, al 2° d’oro, allo scaglione di rosso
     
  D’oro, allo scaglione di rosso, con il capo d’argento, carico di un'aquila bicipite di nero
[Ghietti, Memorie di Carmagnola]
     
    motto: IUSTUS EX FIDE VIVIT

Barbey (de)
(de Berbey)
(del Faucigny)
  (probabilmente) signori di Barbey
     
  D'argento, all'agnello di rosso

Barbier
du Maney
(probabilmente di Bonneville)
  baroni di Yvoire; signori di Arsenay, La Frasse, Le Maney
     
  D'azzurro, alla banda d'argento, carica di tre cuori di rosso
[SDF e CJB]
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, carica di tre cuori di rosso
[SCB]
     
    motto: SIC ITUR AD ASTRA

Barbiey
(Berbiey)
 
     
  D'azzurro, all'agnello passante, sormontato da un lambello, il tutto d'argento
[SCB]

Bardin
(da Seyssel)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bardy   baroni di Lupigny
     
  D'azzurro, a due barbi addossati d'argento, con il capo di rosso, cucito, carico di un sole d'oro

Barfelly   signori di La Frasse, Hautechéze; consignori di Chalex (Cholex)
     
  D'argento, al cane nascente di nero, tenente con la zampa anteriore destra una chiave dello stesso
     
    motto: SEMPER FIDUS
QUIA SEMPER FIDUS [Besson, citato da De Foras]

Barillet
(Barrillet)
(da Chambéry)
  possessori della rendita feudale di Puteville
     
  D'azzurro, a tre bariletti d'argento, 2, 1
     
    motto: L'HONNEUR EST MA GUIDE

Barillon
Morangy
 
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato in capo da due conchiglie, in punta da una rosa, il tutto d'oro
[SCB]

Baron
 
     
  ARMA IGNOTA

Baron Sage   (antica famiglia di Rougemont, nobilitata nel 1584 e autorizzata a portare le armi Syon)
     
  Di rosso, al cigno d'argento, beccato e piotato di nero

Baronnat   signori di Châteauneuf de l'Albenc, Fiançayes, Ile d'Armieux, Les Portes, Moirans, Poliènas
     
  D'oro, a tre guidoni d'azzurro posti in fascia, con il capo di rosso, carico di un leone passante, d'argento

Barral
(della Moriana)
  (De Foras ipotizza che possano avere la stessa origine dei Barralis di Susa)
     
  ARMA IGNOTA

Barral
(del Chiablese, Faucigny, Genevese)
 
     
  Di nero, a quattro bande d'argento

Barral
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'argento, a quattro cotisse di rosso
[SDF e VMA]
     
  Di [...], a tre gemelle di [...], poste in banda
[SDF, vol. 6, citando Galbreath, Armorial vaudois)

Barral
de Montauvrard
(del Delfinato)
  signori (poi marchesi) di la Bâtie d'Arvillard, signori di Bélier, Crolles, Montfort, La Roche Commiers, Rochechinard, Voiron
     
  Di rosso, a tre bande d'argento, con il capo del secondo, carico di tre campane d'azzurro, battacchiate d'oro, disposte in fascia
     
    motto: SIC PERSONAT VIRTUS

Barratey
(Barratay, Barathay)
 
     
  Sbarrato di rosso e d'argento, con il capo di rosso, carico di tre rose, d'oro
[CJB]
     
  Sbarrato d'azzurro e d'argento, la sbarre d'azzurro cariche ciascuna di una rosa d'oro
[CJB]
     
    motto: À TOUT DEVOIR

Barriot  
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accostato da una stella dello stesso, posta nel cantone destro
[SCB]

Basin
(Bazin)
(da Saint Pierre d'Albigny)
  signori di Le Chanay
     
  D'argento, alla banda di rosso, carica di tre stelle d'argento
[SDF, confermando Besson]
     
  D'azzurro, alla banda di rosso, bordata d'argento, carica di tre stelle d'argento
[SCB]
     
  D'azzurro, alla barra d'argento, bordata d'oro
[FVE]
     
    motto: NEC UNO SIDERE FULGET
UBIQUE SIMILIS [FVE]

Basternay  
     
  Inquartato d'oro e d'azzurro
[SCB]

Bastian
(Bastiand)
 
     
  D'azzurro, allo scaglione, accompagnato in capo da due stelle, in punta da un covone, il tutto d'oro
[SDF]
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, spezzato, accompagnato in capo da due stelle d'argento, in punta da un covone d'oro
[SCB]
     
    motto: À BON ARCHER

Battalin
(dal Piemonte, in Savoia)
  (vedi anche Blasonario Famiglie Subalpine)
     
  D'azzurro, a due galli d'argento, affrontati, sormontati da tre stelle d'oro, male ordinate
     
    motto: CONTRE FORTUNE BATAILLE

Baud
(Bal, Balli)
  signori di Douvaine, Troches
     
  Troncato, d'oro, all'aquila di nero, e d'azzurro, al toro passante, d'oro
[SDF; GGM non dà gli smalti]
     
  Troncato, d'oro, all'aquila d'azzurro, e d'azzurro, al toro passante, d'oro
[CJB]

Baud   (antica famiglia del Genevese)
     
  D'azzurro, vestito d'argento, alla stella (16) d'oro
[Consegnamento del 1687 a Torino]
     
    motto: SIC VIRTUS IN ARDUIS

Baudin
de Montépin
  (antica famiglia del Bugey, nobilitata nel 1568)
     
  D'oro, al cavallo rampante, di nero
[Patenti di nobilitazione]
     
  D'oro, al cavallo rampante, di nero, con la fascia di rosso, carica di una croce d'argento, attraversante
[FVE]
     
    motto: EST MIHI PRO DOMINO

Baudry (de)
(de Boudrie)
  (antica famiglia nobile del Faucigny)

conti (1791)

     
  D'azzurro, a tre gigli d'oro, in palo, fiancheggiati da un arco di cerchio, d'argento

Bauduc
(Bauduch, Baudhuc)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bauffremont
  (vedi anche Blasonario Famiglie Subalpine)

(principi di Bauffremont; conti di Pont de Vaux....)

     
  Vaiato d'oro e di rosso
     
    motto: DIEU AYDE AU PREMIER CHRESTIEN

Baulme (de La)
(del Bugey)
  marchesi di Saint Genix e Yenne (1586); conti di Montrevel, Saint Amour; baroni di Cusy; signori di Aiguebelle, Apremont, Avressieux, Chaffardon, Château Gaillard, Corgenon, Entremonts, Gemillieux, Longefoy, La Molière, Monthoux, Montpascal, Puisgros, Roasson, Roche, St. Denis

     
  (ramo La Baulme-Montrevel)
D'oro, alla banda a spinapesce d'azzurro
     
  (ramo La Baulme-Saint Amour)
D'oro, alla banda d'azzurro
     
  (ramo La Balme de la Mollière)
D'azzurro, a tre bande d'oro
(vedere voce relativa)
     
     
  [per Sibuet de La Baulme de Saint Amour, 19 marzo 1498, attestato]
D'oro, alla banda d'azzurro, con tre lambelli di rosso
     
5 motto: LA BAUME
L'HONNEUR GUIDE MES PAS

Bausse (de)   signori di Eschines
     
  ARMA IGNOTA

Bavoz (de)
(di Yenne)
  signori di Billième, Oncieu, Les Terraux
     
  Di nero, al ceffo di leone d'argento
[SDF]
     
  D'azzurro, al ceffo di leone d'oro, linguato di rosso
[SDF vol. 6]
     
  D'azzurro, al ceffo di leone d'argento, allumato e linguato di rosso, accompagnato in capo da due stelle, pure d'argento
[CJB, per il ramo di Evian]

Bavous
(Bavoz)
(di Rumilly)
 
     
  D'azzurro, alla croce d'argento, carica di una stella del campo, e accantonata da quattro leoncini d'oro
     
    motto: PONDERIBUS LIBERATA SUIS

Bay
(Bey)
(da Chieri, in Chambéry)
 
     
  D'azzurro, al cavallo passante d'argento, accompagnato da tre stelle (6) d'oro, due in capo, una in punta
[SDF e J. A. Besson, Histoire généalogique de l'Illustre Maison Milliet de Chambéry]
     
  Di verde, al cavallo passante d'argento, accompagnato da tre stelle d'oro, due in capo, una in punta
[SCB]

Baytaz
(Bétaz)
(da Étable)
  signori di Dons, Echallons, Metz, Quincy, Tessy, La Tour, Vozérier; consignori di Semine
     
  D'azzurro, a tre fiamme d'oro, 2, 1, con il cuore d'argento, in abisso
     
  D'azzurro, a tre fiamme d'oro, 2, 1
[SCB, alla voce Baitaz de Doucy]
     
    motto: URITUR VIRTUTE AMORE

Béard
(di La Balme de Sillingy)
 
     
  ARMA IGNOTA

Beaufort (de)
(della Savoia)
  visconti di Tarantasia; baroni di Le Bois, Chevron, Montailleur,; signori di Alby, Arith, Beaufort, Chevron, Rumilly, St. Genix, St. Laurent de la Côte, St. Maurice, Salagine, Val d'Isère, Villar Chabod; consignori di Cornillon, Marthod

(Jean, Gran Cancelliere di Savoia, 1435?)

     
  Di rosso, al leone d'argento
[anche in GGM]
     
  Di rosso, al leone d'argento, armato e lampassato d'azzurro
[Besson e D. L. Galbreath, Armorial vaudois]

Beaufort
(della Bressa)
  (al momento, non ho cercato eventuali collegamenti tra questa famiglia e la precedente)
     
  Di rosso, al leone d'oro
[VMA]

Beaujeu (de)   signori di Beaujeu, Dombes
     
  D'oro, al leone di nero, armato e lampassato, di rosso, con il lambello a cinque pendenti, di rosso, passante sul leone
     
    motto: À TOUT VENANT BEAU JEU

Beaumont Carra (de)
(da Chambéry)
  conti di Sacconex; signori di La Bâtie Meille
     
  Di rosso, a due fasce d'argento, con il capo troncato dentato d'argento e di rosso
     
  Di rosso, a tre fasce d'argento, la superiore dentata
[J. A. Besson, Histoire généalogique de l'Illustre Maison Milliet de Chambéry]
     
  D'argento, a due fasce d'azzurro, con il capo dentato, pure d'azzurro
[SCB, alla voce Bomont (sic)]
     
    motto: VITA BENE EMITUR

Beaupont  
     
  Di rosso, all'aquila d'argento
[SCB]

Beauregard (de)
(del Paese di Vaud)
 
     
  Di rosso, alla fascia d'oro, carica di tre losanghe vuote, accollate, di nero
[VMA]

Beausire
(di Grandson)
  (famiglia con memorie dal XVI secolo)
     
  D'azzurro, alla biscia d'argento, ondeggiante in palo, accostata da due rose di rosso, bottonate d'oro, punteggiate e fogliate di verde, cucite, e accompagnata in capo da tre stelle d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Riestap]

Beausobre (de)
(da Morges, anche in Francia e Prussia)
 
     
  D'azzurro, a due scaglioni d'oro, il superiore rovesciato, intrecciati in decusse, accompagnati in capo da una rosa, accostata da due stelle, e in punta da un crescente, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  D'azzurro, a due scaglioni, il superiore rovesciato, intrecciati in decusse, accompagnati in capo da tre stelle, in punta da un crescente, il tutto d'argento
[VMA, arma antica]
     
  D'azzurro, a due scaglioni, d'oro, il superiore rovesciato, intrecciati in decusse, con il capo di rosso, carico di un sole d'argento
[VMA, arma moderna]
     
  (le linee francesi in Provenza e Poitou)
Troncato, al 1° di rosso, alla stella (16), d'argento, al 2° d'azzurro, a due scaglioni, d'oro, il superiore rovesciato, intrecciati in decusse
[H. Jougla de Morenas, Grand Armorial de France, e Rietstap]
     
    motto: INTAMINATA VIRTUTE FULGET [Rietstap]

Beauverd
(Bauverd)
(da Chavornay)
 
     
  Troncato, al 1° d'argento, al leone nascente di rosso, al 2° di verde, a tre stelle d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Rietstap]

Beauvoir (de)
(de Bévy)
  signori di Bévy
     
  ARMA IGNOTA

Béboux
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, al leone d'argento, armato e lampassato di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Riestap]

Becerel (de)
  signori di Becerel, Malatrait, Marliot, Vaux
     
  D'argento, alla banda di rosso, carica di tre fiori di nespolo, d'argento

Bech
(Becqui, detti de Caramagne)
  signori di Grésy, La Motte en Champfleury
     
  Troncato, al 1° di [...], al capro passante, al 2° di [...], a tre pali di [...]

Bécherrat
(di Rolle)
 
     
  D'azzurro, al cuore, accompagnato in capo da tre stelle, in punta da un crescente, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bécherraz
(di Cuarny)
 
     
  D'azzurro, alla mano di carnagione, vestita d'argento, uscente dal lato sinistro dello scudo, tenente un pestello da mortaio, pure d'argento, appoggiato alla campagna dello stesso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Béchet
(di Naz)
 
     
  D'azzurro, al pesce d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bécuyn (de)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bectoz
 
     
  D'azzurro, al capo d'argento, carico di tre teste d'aquila, strappate, allumate e beccate di rosso

Beddevole
(del Genevese)
 
     
  Inquartato, d'oro, all'aquila di nero, e trinciato dentato d'oro e di rosso
[GGM. L'arma riprende quella dei Bentifoglio, da cui i Beddevole si dissero discendenti]

Bégain
(Béguin)
 
     
  Troncato, di rosso, a tre besanti d'oro, e d'argento, alla cuffia da bambino, di rosso, legata d'azzurro
[CJB]

Begnins (de)
(del Paese di Vaud)
 
     
  Palato d'oro e d'argento, allo scaglione di nero, attraversante
[VMA e Rietstap]

Begnins (de)
(del Genevese)
 
     
  D'azzurro, alla banda d'oro, ripiena di rosso
[GGM e Rietstap]

Begnins (de)
(Benoit, Benoist)
(del Genevese)
 
     
  Di nero, alla banda d'argento, carica di tre rose, di rosso
[GGM e Rietstap]
     
  Di nero, alla banda d'oro, carica di tre rose, di rosso
[VMA, GGM e Rietstap]

Bégoz
(Bégue)
(di Saubraz, originari di Aubonne)
 
     
  Di verde, all'oca d'argento, piotata e beccata d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1. In VMA l'oca è tutta d'argento]

Beivière (de la)   signori di La Beivière, Danenches, Leal
     
  Di rosso, alla croce gigliata, d'oro

Bel
(di Payerne)
 
     
  D'azzurro, al tiglio sradicato di verde, cucito, sostenente un uccello sorante, e accostato da due stelle, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bel
(del Faucigny)
 
     
  D'oro, all'albero sradicato di verde, sostenente un uccello sorante, d'azzurro, e accostato da due stelle, pure d'azzurro
[CJB]
     
  D'oro, all'albero sradicato di verde, sostenente un uccello sorante, di rosso, e accostato da due stelle, pure di rosso
[CJB]

Bellan (de)
(di Barcelonette)
  (antica famiglia nobilitata nel 1620)
     
  Inquartato, d’oro, a tre fasce di nero, e rombeggiato d’oro e di nero
     
  Inquartato, d’oro, a tre bande di nero, e rombeggiato d’oro e di nero
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
    motto: BELLANDO DEBELLANS

Belle (de)
(dal Delfinato, in Savoia)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, con la banda di rosso, attraversante, carica di tre vasi da fiori d'argento, al naturale

Bellecombe (de)
(del Genevese)
  signori di Bellecombe
     
  Di rosso, alla fascia d'oro carica di tre gigli d'azzurro, con il capo d'argento al leone nascente di nero
     
  Troncato, di rosso, al leone nascente, d'argento, linguato e armato di nero, e di rosso, alla fascia d'oro, carica di tre gigli d'azzurro, passante sulla partizione
[SCB]
     
  Di rosso, alla fascia d'argento, caricata di tre gigli d'oro, cuciti, e accompagnata in capo da un leone dello stesso, nascente dalla fascia, in punta da un tronco d'albero, sradicato, di verde, posto in palo
[fregio araldico del salone degli scudi del castello di levante di Lagnasco]

Bellegarde (de)
(del Faucigny, in Chiablese e Genevese)
  signori di Bellegarde, Brens, Buffavent, Disonce, Foncenex-Veigy, Miribel, Montagny, Pontier, Praz, Pressin, Saint Cergues, Saint Disdille, Thorens, Vigny, Vongy
     
  D'argento, a tre pali di nero, con la fascia di rosso, carica di tre elmi del campo, attraversante
[GGM: palato d'argento e di nero.... Nel volume "Storie di Famiglie e Castelli" alla voce de Bellegarde invece della fascia è indicata una banda]
     
    motto: NUBE ALTIUS

Bellegarde (de)
(Noyel)
  marchesi di Cervens e Corsinge (1693), Les Marches (1682); conti di Boringes, Entremont, Nangy; signori di Bellegarde, Bernex, Charmoisy, Draillant, Loys, Mieudry, Montgelaz, Saint Cergues, Saint Paul, Thonon, La Tour de Servette, Villarbigny; consignori di Montdragon
     
  D'azzurro, alla sfera del fuoco, d’oro, posta in fascia concava, abbassata, scintillante verso la punta, con il capo d'oro, carico di un'aquila bicipite di nero
     
3 motto: EX CANDORE DECUS [Rietstap, per le linee in Boemia]

Bellentre (de)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bellerive (de)
(del Paese di Vaud)
  signori di Bellerive?
     
  Palato d'argento e d'azzurro, con la fascia d'oro, carica di tre elmi d'azzurro, attraversante
[VMA]

Bellet
(da Pont d'Ain)
  signori di Flavignerat, Genost
     
  D'azzurro, alla banda scanalata, d'argento, carica di uno scudetto di verde, alla donnola d'oro, collarinata di rosso, campanellata d'argento
[Patenti di nobilitazione del 1582]
     
  D'azzurro, a due bande scanalate, d'argento, la prima sostenente una donnola d'oro, collarinata di rosso, campanellata d'argento
[SCB]
     
  D'azzurro, a due bande scanalate, d'argento, con un montone d'oro, rampante tra le due bande
[Rietstap]
     
    motto: SUPERAT SOLERTIA VIRES

Belletruche
(probabilmente da Chambéry, in Tarantasia e nel Paese di Vaud)
  signori di Agnuys, Belletruche; consignori di Cornillon, Marthod
     
  Inquartato, al 1° e 4° di rosso, al 2° e 3° d'argento, a due fasce d'azzurro
[SDF, FVE e VMA per i Bellestruches in Vevey]
     
  Inquartato, al 1° e 4° di rosso, al 2° e 3° d'argento, a due fasce d'azzurro
[SCB, dando quasi certamente un'errata interpretazione della blasonatura]
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'argento, a due fasce d'azzurro, al 2° e 3° di rosso
[Rietstap per i Belletruche della Savoia]

Bellossier
(de Bellossy, Bernard de Coucy)
(della Savoia)
  signori di Coucy
     
  D'azzurro alla banda d'oro, accompagnata da due stelle dello stesso, una in capo e l'altra in punta, con il capo di rosso, cucito, carico di tre stelle d'oro, disposte in fascia
[SDF]
     
  D'azzurro, alla banda d'argento, accostata da due stelle d'oro, con il capo, di rosso, cucito, carico di tre stelle, pure d'oro, disposte in fascia
[SCB]
     
    motto: ROI NE PEUX DUC NE VEUX

Bellot
(Bellotti)
(da Carignano, nel Genevese)
  (vedi Blasonario Subalpino)
     
  Partito scaglionato, d'argento e di rosso
[anche in GGM]

Belloy   (vista la somiglianza di nome e di arma con la famiglia precedente, non si esclude che si tratti proprio dei Bellot / Bellotti da Carignano)
     
  Bandato d'argento e di rosso, di otto pezzi
[SCB]

Bellujon
(Bellujen)
(del Comitato Venassino, nel Paese di Vaud)
  signori di Coppet, Villeneuve
     
  D'azzurro, a tre fiamme d'oro, muoventi verso la punta, con il capo d'azzurro, carico di tre stelle d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  D'azzurro, alla fascia d'argento, accompagnata in capo da tre speronelle, e in punta da tre fiamme muoventi dalla fascia, il tutto d'oro
[VMA]
     
  (i Bellujon Coppet in Delfinato)
D'azzurro, alla fascia, accompagnata in capo da tre speronelle, e in punta da tre fiamme muoventi dalla fascia, il tutto d'oro
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]

Belly   signori di Arbuzenier, Châtelard de Fous, Cleyzieu, Les Echelles
     
  D'azzurro, al pavone d'oro
     
    motto: NEC INTERIT UNQUAM

Belly
(di Yenne)
 
     
  D'argento, alla banda d'azzurro, carica di tre losanghe d'oro
[SDF, vol. 6, con qualche dubbio]

Benevix (de)
(del Faucigny)
  signori delle case forti di Benevix e L'Echelle
     
  D'azzurro, allo scaglione, accompagnato in capo da due stelle e in punta da un grifone, il tutto d'oro
[SDF e CJB]
     
  D'azzurro, allo scaglione di rosso, bordato d'oro, accompagnato in capo da due stelle e in punta da un grifone, il tutto d'argento
[SCB]

Benneton
(da Cudrefin)
  (famiglia nobile con memorie dal XV secolo. Non mi è chiaro se si tratta della stessa famiglia de la Mollière - vedi alla voce - che ha la medesima arma)

signori de La Molière?

     
  Di rosso, alla rotella di sperone d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1. In Rietstap la rotella ha sei raggi: si veda anche de la Mollière]

Benoit
(de Benedictis)
(di Bursins e Rolle)
 
     
  Di nero, alla banda d'oro, carica di tre rose di rosso, bottonate del secondo
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  Di nero, alla banda d'oro, carica di tre rose di rosso
[VMA]

Benoit
(di Juriens)
 
     
  D'azzurro, al leone d'oro, armato e lampassato di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  D'azzurro, al leone d'oro
[GGM]

Benvegnen
(di Vufflens la Ville)
 
     
  D'argento, a una losanga e due mezze accollate, di verde, con la punta d'argento, carica di un leone di rosso, e con il capo d'oro, carico di un'aquila di nero, linguata di rosso, sostenuto da una fascia troncata di verde e d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Beost (de)   signori di Beost, Sachins
     
  D'oro, a tre croci ancorate di rosso, 2, 1

Berangier
(Barangier)
(del Genevese)
 
     
  Grembiato d'oro e di rosso
[GGM]

Bérard (de)   (antica famiglia borgognone, nobilitata da Carlo Emanuele I nel 1588)

signori di Meronnaz

     
  D'azzurro, alla testa di leopardo, d'oro, armata e lampassata di rosso, con il capo d'azzurro, cucito, carico di una stella d'oro
[Patenti di nobilitazione]
     
  D'azzurro, alla testa di leopardo, sormontata da una stella, il tutto d'oro
[Rietstap]

Bérard
(dalla Francia, in Losanna e Vevey)
  (famiglia con memorie dal XVI secolo)
     
  D'argento, alla banda di rosso, carica di tre trifogli d'oro, accompagnata da tre cavallette, di verde, due in capo e una in punta
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  (la linea in Delfinato)
D'argento, alla banda di rosso, carica di tre trifogli d'oro
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]
     
  (i Bérard de Chissé, in Borgogna)
D'argento, alla banda d'azzurro, carica di tre trifogli d'oro, accompagnata da tre cavallette, di verde
[Henri Jougla de Morenas, Grand Armorial de France]

Berchat
(di Sallanches)
 
     
  D'oro, a tre pigne di verde, 2, 1
     
  D'azzurro, a tre pigne d'oro, 2, 1
[FVE e SCB]

Berchem
(del Brabante, anche in Crans près Céligny)
 
     
  D'argento, a tre pali di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Rietstap]

Berchod   signori di Collonges, Malatrait
     
  D'azzurro, al decusse d'oro, con il capo d'argento

Berdez
(Berdoz)
(di Rossinière e Vevey)
 
     
  Interzato in fascia, al 1° di nero, al gufo guardante, d'oro, al 2° d'argento, murato di nero, al 3° palato d'argento e d'azzurro, di dieci pezzi
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Berger
(Bergier)
  signori di Cerisier
     
  Di rosso, al decusse d'argento
     
  (alias)
Di rosso, al decusse d'argento, accompagnato in capo da una stella, in punta da un monte di tre vette, il tutto d'argento
[CJB]

Bergier
(dalla Borgogna)
  signori di Corrobert, Ferrières, Montflory, Roux, La Val de Clets
     
  D'argento, al ceffo di leopardo, accompagnato da tre stelle, 2, 1, il tutto di rosso
[Patenti del 1525]
     
  D'argento, al ceffo di leopardo, accompagnato da tre rose, 2, 1, il tutto di rosso
[SCB]
     
    motto: FINIS PRAECEPTI CHARITAS

Bergier
(del Paese di Vaud)
  signori di Mont, Vuarnens
     
  D'azzurro, all'ariete d'argento, cornato e unghiato d'oro, tenente sulla spalla un pastorale d'argento, guarnito d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1 e VMA. In effetti l'immagine in Galbreath sembre rappresentare un remo più che un pastorale: non sono però in grado di verificare la relativa blasonatura]

Bergoën (de)
(Bergoin, Bergoend)
 
     
  Di rosso, alla torre d'argento, mattonata di nero, sostenuta da due grifoni affrontati, d'oro
     
    motto: FORTITUDINE ET VIGILANTIA

Berguère
(Bergaire, Bergueraz)
 
     
  ARMA IGNOTA

Berlet
(de Berlet)
 
     
  ARMA IGNOTA

Berliet
(dalla Bresse, in Savoia)
  baroni di Bourget; signori di Candie, Chiloup, Montcroissant
     
  D'oro, a tre pali di rosso, con il capo d'azzurro, al crescente d'argento

Berlion
 
     
  ARMA IGNOTA

Bernard
(dalla Maurienne, a Chambéry)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bernard
d'Allinge
(di Vevey e del Vallese)
 
     
  Di rosso, alla stella (6) in capo e al crescente in punta, il tutto d'argento
[SDF]
     
  Di rosso, alla rotella di sperone d'oro, in capo, e al crescente d'argento, in punta
[SDF e GGM]

Bernard
(di Vevey)
  (non mi è chiaro se si tratta della famiglia precedente o di una famiglia diversa, ma con la stessa origine da Vevey)
     
  D'argento, all'aquila bicipite di nero
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1. La stessa arma è assegnata in VMA ai de Bèroarde di Montreux, in Rietstap ai Béroarde del Vallese]

Bernard
(di Treffort)
  (antica famiglia della Bressa, nobilitata nel 1563]

signori di Pelagey

     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato in capo da due stelle, in punta da un crescente, il tutto d'argento
[Patenti di nobilitazione]

Bernard
de Coucy
  vedi Bellossier

Bernard
(d'École en Bauges)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bernard
  signori di Foras
     
  Di nero, al leone d'oro
[citato, ma senza sicurezza, in SDF, vol. 6]

Bernaz
 
     
  D'argento, a tre sbarre di rosso, con l'orso di nero, lampassato di rosso, attraversante
[CJB]

Bernex
(Berney)
(del Paese di Vaud)
 
     
  Inquartato d'oro e di rosso, all'orso passante di nero, attraversante sul tutto, accompagnato in capo da un crescente d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Rietstap]
     
  Inquartato d'oro e di rosso, all'orso passante di nero, attraversante sul tutto, accompagnato in capo da un crescente d'azzurro
[CJB]
     
  Di nero, a due filetti in banda, accompagnati in capo da due stelle, in punta da una stella, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; CJB]
     
  (I Bernex del Paese di Gavot, alias Sauthier)
Inquartato d'oro e di rosso, all'orso passante di nero, attraversante sul tutto, accompagnato in capo da un crescente, in punta da un decusse scorciato, il tutto d'azzurro
[CJB]

Bernus
(di Losanna)
 
     
  D'argento, all'orso passante di nero
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Rietstap]

Bérod
(de Béroz)
(di La Rochette)
 
     
  Di rosso, allo scaglione spezzato, d'oro, accompagnato da tre trifogli d'argento, 2, 1
     
    motto: AUXILIUM MEUM A DOMINO

Bertellin
(de Berthelin)
(di Conflens)
 
     
  D'azzurro, a tre pali d'oro, ciascuno carico di tre moscature d'ermellino, di nero, con il capo d'argento, carico di tre fiamme di rosso, poste in fascia
     
  D'azzurro, a tre pali d'oro, ciascuno carico di una moscatura d'ermellino, con il capo d'oro, carico di tre fiamme di rosso, poste in fascia

Berterinis (de)
(Bertherinis)
(del Vallese)
  (famiglia, probabilmente nobile, con memorie dal XV secolo)
     
  D'oro. al decusse d'azzurro, carico di nove sfere del campo, e accompagnato da tre quadrifogli, di rosso, uno in capo, due ai fianchi, e da un cuore infiammato, pure di rosso, in punta
[VAN e Rietstap]

Berthet
(in Ginevra)
  (forse di origine francese)
     
  D'azzurro, a tre leoncini d'oro, 2, 1
[GGM: è l'arma dei francesi Berthet de Puydigon]

Berthier   signori di Bonport, Crempigny, Manessy, Saint Vincent
     
  D'azzurro al decusse d'oro, accompagnato in capo da un crescente d'argento
     
  (il ramo di Bonport)
D'azzurro, al decusse d'oro, accompagnato in capo da un crescente d'argento, ai lati da due stelle d'oro, in punta da due gocce dello stesso, in palo
[Besson, citato in SDF]
     
    motto: SANS BRUIT

Berthod
(Berthodi)
(di Ugine)
 
     
  Troncato d'azzurro e di rosso, il 1° al sole a 10 raggi, d'oro, il 2° a due elmi d'argento, affrontati
     
    motto: PARTOUT JE ME MONTRE

Berthod  
     
  D'azzurro, alla croce d'oro, accostata da quattro leoncini, dello stesso
[SCB]

Bertholet
(di Collonges sous Salève)
 
     
  Inquartato, al 1° e 4° scaccato di rosso e d'argento, al 2° e 3° d'azzurro, a tre crescenti d'oro, 2, 1
[SCB]

Bertholet
(di Aigle, Roche e Villeneuve)
 
     
  D'azzurro, allo scaglione, accompagnato in capo da due stelle, in punta da un crescente, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bertholet
(di Rougemont)
 
     
  D'azzurro, a due pali d'oro, con la sbarra d'argento, carica di un castello di due torri, di rosso, attraversante, con il capo d'oro, carico di un'aquila doi nero, coronata e membrata di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bertrand
(della Val di Susa)
  signori di Bruzolo, Chianocco, S. Didero, S. Giorgio, Villarfocchiardo (vedi Blasonario Subalpino)

marchesi di Chamousset (1681), Thônes (1691); conti di Evieux, La Pérouse, St. Rhémy; baroni di Gilly, Quintal, Villard sous Salève; signori di Archamp, Bonvillard, Bourgneuf, Molettes, Montfort, Rougemont; consignori di Bozel

     
  D'oro, al leone di nero, coronato, armato e linguato di rosso
     
motto: SAPIENT ET CONFIDENT
SAPIENTER ET CONFIDENTER

Bertrand
(della Moriana)
  signori di Vigny
     
  D'azzurro, alla sbarra d'oro, carica di tre rose di rosso, accompagnata da due stelle d'argento, nel cantone del capo, e da due stelle dello stesso, in punta
     
motto: AUXILIUM MEUM A DOMINO ET PRINCIPE

Bertrand
(di Abondance)
 
     
  D'oro, al leone di rosso, con il capo d'azzurro, carico di cinque conchiglie d'argento
[CJB]
     
motto: FIDELIS

Bertrand
(da Yverdon, originari della Francia)
 
     
  D'oro, allo scaglione d'azzurro, carico di tre gigli del campo, a piombo, e accompagnato da tre rose di rosso, barbate di verde, 2, 1
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1, e VMA]

Bertrandy
(dal Gard, in Savoia)
 
     
  Di rosso, a tre trifogli d'oro, 2, 1

Bertrier
(da Nantua)
  signori di Cernex, Migieu, La Motte, Villard; consignori di Chalex, La Corbière, Farges
     
  D'azzurro, all'aquila d'oro, sostenuta da due rami d'olivo decussati, d'argento
     
  D'argento, all'aquila d'azzurro, sostenuta da due rami d'olivo decussati, di verde
[SCB]
     
    motto: EX LABORE FRUCTUS

Besse
(di l'Abergement, Les Clées, Sainte Croix)
 
     
  Troncato, al 1° d'azzurro, al ramo fiorito di tre fiori, d'argento, fogliato di verde, accostato da due stelle, pure d'argento, al 2° d'argento, allo scaglione d'azzurro, accompagnato in capo da due rondelle, in punta da un cuore, il tutto di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Besse
(del Vallese)
 
     
  Interzato in fascia, al 1° d'oro, all'aquila di nero, sormontata da una stella d'argento, cucita, al 2° d'azzurro, al castello di due torri, d'argento, aperto del campo, al 3° bandato di nero e d'argento, di otto pezzi
[VAN, per i Besse di Saint Maurice]
     
  Interzato in fascia, al 1° d'oro, all'aquila di nero, al 2° d'argento, al castello di due torri, di rosso, al 3° d'argento, a tre bande di rosso
[Armorial Valaisan - Walliser Wappenbuch, 1946, per i Besse di Martigny]

Besson
(del Genevese)
 
     
  Di verde, a due gemelle in fascia, d'argento, con il capo d'oro, carico di due stelle, di rosso
[GGM]

Besson
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'argento, alla banda d'azzurro, carica di un giglio del campo, e accompagnata da due leoni di rosso
[VMA]

Besson
detti anche Pollens
(del Paese di Vaud)
  signori di Lignerolle
     
  Di rosso, alla rosa d'argento, bottonata d'oro
[VMA]

Besson
(di Thonon)
 
     
  Di nero, al leone passante d'argento, con il capo di rosso, carico di tre stelle d'oro
[CJB]

Besson
(di Chapelle sur Moudon, Eclépens, Villarzel e Yvonan)
 
     
  D'argento, alla rosa di rosso, bottonata d'oro, fogliata di verde, uscente dalla punta, e accompagnata in capo da due stelle, di rosso
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Besson
(di Annecy)
 
     
  Di rosso, alla banda, accostata da due filetti, il tutto d'argento, e carica di un leone passante, d'azzurro
[CJB]

Besson
(di Montreux)
 
     
  Partito d'oro e di nero, a due infanti gemelli, seduti, dell'uno nell'altro, accompagnati in capo da una lettera N, dell'uno nell'altro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bessonay
(Bessonnet)
(da Annecy, in Ginevra e nel Paese di Vaud)
  (famiglia nobile con memorie dal XV secolo)
     
  Di nero, al leone di rosso, cucito, tenente con la zampa destra un'ascia, d'argento
[SDF, vol. 6, citando l'Armorial de Loche; anche in Galiffe, Notices généalogiques sur les familles genevoises, citando Besson]
     
  Troncato, al 1° d'argento, al leone passante guardante di rosso, cinto da due rami di alloro di verde, decussati in basso, al 2° di nero, a due B addossate d'argento, quella di sinistra rialzata rispetto a quella di destra
[GGM e Rietstap]
     
  Inquartato, al 1° e 4° di [...], al leone rampante di [...], contro un albero secco di [...], al 2° e 3° di [...], al globo sormontato da una croce, di [...]
[GGM, da sigillo del 1596]

Bessonis  
     
  Di rosso, a una colomba volante, d'argento, sormontata da tre grappoli d'oro, disposti in fascia
[SCB]

Bessy  
     
  D'azzurro, a tre cinquefoglie d'argento, 2, 1
[SCB]

Bétemps
(Bétems, Bettems, Betend)
(da Allinges)
 
     
  Di rosso, alla fascia d'argento, carica di una losanga del campo, incappato d'oro, a due losanghe del primo
[CJB]

Bétrix
(da Concise, anche in Le Locle e Neuenburg)
 
     
  Troncato d'azzurro e d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; Pierre Huguenin-Dumittan, Armorial neuchâtelois]
     
  Troncato, al 1° d'oro, al leone di rosso, nascente, al 2° d'azzurro, a due fasce ondate, d'argento
[François J. Rappard, Armorial vaudois e Pierre Huguenin-Dumittan, Armorial neuchâtelois]

Bettens (de)
(del Paese di Vaud)
  signori di Bettens
     
  Partito d'argento e di rosso, all'anelletto dell'uno nell'altro
[VMA e Rietstap]

Bettens (de)
(da Bioley Magnoux, Chavannes le Veyron, Yvonand)
 
     
  Troncato, al 1° d'argento, al leone d'oro, cucito, armato e lampassato di rosso, nascente, al 2° sbarrato d'oro e d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bettex (de)
(da Bourg Saint Maurice)
 
     
  Inquartato, al 1° e 4° d'argento, a due scaglioni scorciati e ristretti, quello di destra passante sull'altro, al 2° e 3° d'azzurro, al cervo saliente, d'oro

Bettonet (du)
(da Chamoux)
 
     
  ARMA IGNOTA

Bex (de)
(de Baiz)
(del Paese di Vaud)
  signori di Bex; consignori di Saint Triphon
     
  D'azzurro, al leone d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1; anche in Armorial Valaisan - Walliser Wappenbuch, 1946]
     
  D'azzurro, al leone di rosso, accompagnato nel cantone destro del capo da una stella d'argento
[VMA e VAN]
     
  D'azzurro, al leone d'oro, accompagnato nel cantone destro del capo da una stella, pure d'oro
[Rietstap]
     
  (la linea cadetta de la Porte de Baiz)
D'oro, al leone di rosso
[Revue historique vaudoise, n. 49 (1941)]

Beynod (de)  
     
  ARMA IGNOTA

Beyviers (de)   signori di Beyviers, Coberthod, Saint Aubin
     
  Inquartato, d'oro e d'azzurro

Bèze (de)
(de Besze)
(del Genevese)
 
     
  Di rosso, alla fascia d'oro, carica di tre rose d'azzurro, accompagnata in punta da una chiave d'argento, posta in palo, l'ingegno in alto
[GGM]

Bezencenet
(di Yverdon, originari di Boveresse)
 
     
  D'azzurro, al triangolo vuoto, accompagnato in punta da un crescente, il tutto d'argento, con il capo di nero, carico di tre stelle, d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bezençon
(di Denneloye e Gossens)
 
     
  D'oro, alla testa di moro rivoltata, di nero, attorcigliata d'argento, accompagnata da tre trifogli di verde, 2, 1
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Biche (La)
(da Chambéry)
  (famiglia - probabilmente nobile - con memorie dal XVI secolo)
     
  ARMA IGNOTA

Bichet
(di Morges)
 
     
  Di rosso, al crescente figurato, accompagnato in punta da un colle di tre cime, in capo da una stella, il tutto d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bidaux
(di Cully)
 
     
  Partito di rosso e d'argento, a due rampini decussati, dell'uno nell'altro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Bienvenu (de)
(da Saint Génix)
  signori di Cuchet, Martel, Mondragon, Sainte Colombe
     
  Di rosso a due frecce d'oro, intrecciate in decusse

Bière (de)
(del Paese di Vaud)
  signori di Bière
     
  D'argento, al pino di verde, nutrito su un monte di tre punte, pure di verde, con la bordura d'oro
[VMA]

Bieux (de)   conti di Crestvoland, Flumet, St. Nicolas la Chapelle; signori di Playson
     
  Partito d'oro e di rosso, alla betulla di verde, sradicata, dall'uno all'altro

Bignin (de)
(de Begnins)
vedi Mestral
de Begnins

Bignin (de)
(di Chambéry)
 
     
  D'azzurro, alla banda d'oro

Biguerne (La)  
     
  Fusato d'oro e di rosso
[SCB]

Billard
(di Bex)
 
     
  Troncato, al 1° di rosso, alla corazza d'argento, al 2° partito d'oro e d'azzurro, al castello dell'uno nell'altro, aperto del campo
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Billard
(di Morges)
 
     
  D'azzurro, a tre bisanti d'oro, 2, 1
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  Di rosso, a tre (...) d'oro, 2, 1
[VMA, alla voce Billiard vel Billiardi de Morges]

Billens (de)
(del cantone di Friburgo)
  visdomini di Romont; signori di Billens, Bourjod, Macconnens, Palézieux
     
  Di rosso, alla banda d'oro, accostata da due filetti, d'argento
[A. Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg, e VAN; l'arma è anche raffigurata nel cortile del castello di Issogne]
     
  Di rosso, alla banda accostata da due filetti, il tutto d'oro
[VMA]

Billiat  
     
  Di verde, al drago (anfittero), d'oro
[SCB]

Binggeli
(del Paese di Vaud)
 
     
  Di rosso, al ferro di vanga, accompagnato in capo da due stelle (6), il tutto d'argento, e in punta da un monte di tre cime, di verde
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Biolet
(Biolé)
 
     
  D'argento, al capo d'azzurro, carico di tre stelle d'oro
[SCB]

Biolley (de)
(Bioley, de)
(del Paese di Vaud e di Neuchâtel)
(del Paese di Vaud)
  signori di Bioley
     
  D'azzurro, allo scaglione ondato d'oro
[VMA e A. Mandrot, Armorial historique de Neuchâtel]

Biolley (de)
(da Sallanches, a Verviers in Belgio)
 
     
  Partito, al 1° troncato, d'azzurro, alla stella d'oro, e d'argento, alla torre di rosso, finestrata e aperta del campo, al 2° troncato d'argento e d'azzurro, al leone dell'uno nell'altro
[Rietstap]
     
  (in SCB è citata l'arma accanto, assegnata alla famiglia Bioley: la riporto per informazione)
Di porpora, al leone d'oro
[SCB]

Bione   (antica famiglia del Valromey, nobilitata nel 1598)
     
  D'azzurro, al braccio armato d'oro, con la mano di carnagione impugnante una spada d'argento, guernita d'oro, alta in palo, sormontata da una crocetta d'argento, con un cuore d'oro sotto il pomo della spada
[Patenti di nobilitazione]
     
    motto: DIRIGIT ET ERIGIT

Bionnens (de)
(del Paese di Vaud e del canton Friburgo)
  signori di Senarclens
     
  Di verde, all'aquila d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  D'argento, all'aquila di verde
[VMA e A. Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg]

Biord   conti di Châteauvieux, Seymod; signori di Épagny
     
  Troncato, al 1° d'oro, all'aquila di rosso, al 2° di rosso, al crescente d'argento
[In FVE il crescente è d'oro]

Biord
(del Faucigny)
 
     
  Di rosso, al crescente d'argento, con il capo d'oro, carico di un'aquila di rosso
     
  Di rosso, al crescente d'argento, con il capo d'oro, carico di un'aquila di nero

Bisaçon  
     
  D'azzurro, alla fascia d'argento, accompagnata in capo da un crescente d'oro, accostato da due stelle, d'argento, e in punta da un cuore, d'oro
[SCB]

Bise
(Bize)
(di Moudon)
  consignori di Treytorrens
     
  D'azzurro, a tre pesci d'argento, disposti in fascia, accompagnati in capo da una stella dello stesso
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  Di nero, a tre pesci d'argento, disposti in fascia, con la banda d'argento, attraversante
[VMA]

Bizemont (de)
  baroni di Charansonnex
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato in capo da due crescenti d'argento e in punta da una speronella d'oro

Blaisot
  signori di Marigny, Saint Étienne
     
  ARMA IGNOTA

Blanc
d'Hauteville
 
     
  Di rosso, a tre teste d'orso, d'argento, 2, 1, con la bordura d'oro, in divisa
     
  D'oro, a tre teste di lupo, strappate, di nero, 2, 1
[SCB]
     
    motto: EN PIQUANT JE BLANCHIS

Blanc
(di Vevey)
 
     
  Troncato, al 1° d'oro, al leone di rosso, nascente, al 2° d'azzurro, a tre ferri di lancia all'antica, d'argento, 2 e 1
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  Troncato, al 1° d'oro, al leone di rosso, nascente, al 2° d'azzurro, a tre punte di lancia d'argento, 2 e 1
[VMA]

Blanc
(di Vevey)
 
     
  D'azzurro, al castello di due torri d'argento, aperto e finestrato del campo, sostenente un leone pure d'argento, posto tra le due torri
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Blanc (Le)
(da La Rochette)
 
     
  Trinciato d'argento e di rosso, il secondo al cigno del primo, membrato d'oro
[FVE]
     
    motto: DOCE ME VOLUNTATEM TUAM

Blanchard
(di Jouxtens-Mésery)
 
     
  D'azzurro, alla fascia d'oro, accompagnata in capo da tre stelle d'argento, poste in fascia, e in punta da un globo d'oro, fasciato e crociato d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Blanchenay
(di Morges, originari francesi)
 
     
  D'azzurro, a due gigli di giardino, al naturale, con il capo d'argento, carico di un trifoglio di verde
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  Troncato, al 1° d'oro, a tre foglie di tabacco, di rosso, uscenti dalla partizione, al 2° d'azzurro, al rosaio fiorito di due pezzi, d'argento
[VMA. In Rietstap al posto delle foglie è indicato un trifoglio di rosso]

Blanchet
(di Vevey e Lutry)
 
     
  D'argento, a tre scaglioni di rosso, con il palo d'argento attraversante, carico di una freccia di nero, posta in palo, la punta all'insù, con il capo d'oro, carico di un'aquila coronata, di nero
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Blandlit
 
     
  D'argento, al ramo d'olivo, di verde, sostenente un merlo, di nero
[SCB]

Blécheret
(Bléscheret)
(di Losanna)
 
     
  D'azzurro, alla fascia d'argento, accompagnata da tre teste di leone strappate, d'oro, linguate di rosso, 2, 1
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  D'azzurro, alla fascia d'argento, carica di tre teste di leone d'oro, cucite
[VMA e Rietstap]

Blonay (de)   marchesi di Hermance (1756); conti di Rossillon; baroni di Avise, Blonay, Châtelard; signori di Allamand, Avise, La Bâtie, Bernex, Bex, La Chapelle-Marin, Corsier sur Vevey, Joux, Livrogne, Lugrin, Maxilly, Mézières, Montigny, Montmeilleur, Nernier, Planaval, Rochefort, Romanens, St. Paul, Sales
     
  Di nero, al leone d'oro, armato e linguato di rosso
     
  (linea di Saint Paul)
Di nero, al leone d'oro, armato e linguato di rosso, addestrato da una rotella di sperone del secondo

     
  Di nero, seminato di crocette trifogliate, dal piede acuminato, d'argento, al leone d'oro, armato e linguato di rosso, attraversante
     
  Di nero, seminato di crocette d'oro, al leone del secondo, attraversante
[Fiori di Blasoneria]
     
  Di nero, seminato di crocette d'argento, al leone d'oro attraversante
[Annuaire de la Noblesse de France, 1843, Bibliothèque nationale de France]
     
 

Di nero, al leone d'oro, armato e linguato di rosso, accompagnato in capo da due gigli del secondo
[CJB, per il ramo di Evian]

     
1 motti: PRO ARIS ET FOCIS
PUR COMME L'OR, PROMPT COMME ECLAIR (alias COMME L'AIGLE)
TOUTES SERVIR, TOUTES HONORER, POUR L'AMOUR D'UNE

Blondel
(del Genevese)
  (famiglia nobile con memorie dal XV secolo)
     
  Di verde, alla spada alta, d'argento, accostata da due crescenti d'argento, e accompagnata in capo da tre stelle, pure d'argento, male ordinate
[GGM]

Blondel
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, all'aquila di nero, coronata d'oro, membrata di rosso, tenente con la zampa destra un libro aperto, d'argento, e accompagnata nel cantone destro del capo da un sole d'oro, nascente, nel cantone sinistro da una stella, pure d'oro, l'aquila sostenuta da un colle di tre cime, di verde
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Boccard
(da Friburgo, a Thonon e Torino)
  vedi Blasonario Subalpino

Boccard
(del Chiablese)
  (famiglia con memorie dal XIV secolo)
     
  D'azzurro, a tre losanghe d'oro, 2, 1, accompagnate in punta da un monte di tre cime, d'argento
[CJB. Le tre losanghe compaiono anche nelle armi dei baroni Boccard, per i quali si rimanda al Blasonario Subalpino]

Boccard
 
     
  D'argento, a tre monti d'oro, cuciti, quelli laterali sormontati ciascuno da una stella, di rosso, quello centrale da una stella, pure d'oro
[SCB]

Bochet
(del Paese di Vaud, anche in Thonon ed Évian)
 
     
  Di rosso, allo stambecco saliente d'argento, ramoso e unghiato d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1, e CJB]

Boczosel (de)
(del Delfinato)
 
     
  D'oro, al capo scaccato d'argento e d'azzurro, di tre file
     
  D'oro, al capo scaccato d'azzurro e d'argento
[GGM]
     
    motto: QUOY QU'IL EN ADVIENNE

Boëge (de)
(del Faucigny)
  signori di Avully, Boëge, Chaffardon, Chedal, Conflens, Mons, Vallières; consignori di Cervens, Rochefort
     
  Inquartato d'oro e d'azzurro
     
  (Boëge de Vallières, detti de Chedal)
Inquartato d'oro e d'azzurro, il secondo quarto carico di un crescente d'argento
     
  (Boëge Conflens)
Inquartato, al 1° e 3° controinquartato d'oro e d'azzurro, il secondo quarto carico di un crescente d'argento, al 2° e 3° trinciato d'ermellino e di rosso
     
    motto: NESCIT LABI VIRTUS

Boiceau
(Boisseau)
(del Paese di Vaud, originari del Poitou)
 
     
  D'argento, all'albero terrazzato di verde, sormontato da tre stelle d'azzurro, male ordinate
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Boigne (de)   conti (1816)
     
  D'azzurro, al leone d'oro, piantante una spada d'argento in cima a una montagna, al naturale, uscente dalla punta dello scudo
     
    motto: PATIENTIA OMNIA VINCIT

Boillet
(di Préverenges)
 
     
  Troncato, d'argento e mareggiato d'azzurro, al pesce del primo passante sulla partizione
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Boinod
(di Aubonne)
 
     
  D'azzurro, al pino di verde, biancheggiante di neve, sostenuto da un colle di tre cime, pure di verde
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1. In Rietstap è indicato il solo pino]

Bois (du)
(del Genevese)
  signori di Le Bois
     
  ARMA IGNOTA
(Di ... alla quercia / al ramo di quercia di ...?)

Bois (du)
de La Salle
 
     
  Vaiato d'oro e d'azzurro, con il capo di rosso, carico di tre bisanti, d'oro
[SCB]

Bois (du)
(du Boys)
(da Saint Trivier)
  signori di L'Espinay, Fretières, Servette
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnata da tre cinquefoglie dello stesso, due in capo e uno in punta
[Patenti di nobilitazione, BBG e SCB]
     
  D'oro, al decusse di rosso, carico di cinque conchiglie, d'argento
[FVE]

Boisot
(di Losanna)
 
     
  Troncato, al 1° di rosso, a due rombi d'argento, al 2° d'azzurro, al giglio d'oro, con la fascia d'argento attraversante sulla partizione
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Boissier
(di Ginevra)
  signori di Dulin, Saint André
     
  D'oro, alla fascia d'azzurro, carica di tre scudetti d'argento, e accompagnata da tre ghiande, di verde, i gambi in basso
[GGM. In Rietstap le ghiande sono fogliate]
     
  D'argento, alla fascia d'azzurro, carica di tre besanti d'oro, e accompagnata da tre ghiande, fogliate, di verde, i gambi in basso
[Rietstap]

Bojon
(di Chambéry)
 
     
  Troncato d'oro e d'argento, al leone dall'uno all'altro, di rosso sull'oro e di nero sull'argento
[FVE]
     
    motto: MAGNANIMO SATIS EST

Bolle
(di Les Clées, originari di Les Verrières)
 
     
  Di rosso, allo scaglione d'oro, con il capo d'azzurro, carico di una stella d'oro, accostata da due sfere d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]

Bolliet
(del Bugey)
  (famiglia nobile con memorie dal XVI secolo)
     
  D'azzurro, a due decusse scorciati, uno accanto all'altro, accostati in punta da tre stelle, il tutto d'oro
[Consegnamento 1687 non riportato da Manno]
     
  D'azzurro, a due decusse scorciati, uno accanto all'altro, accostati da tre stelle, due in capo, una in punta, il tutto d'oro
[SCB e FVE]
     
    motto: LABORIS FORTUNA COMES

Bolomey
(del Paese di Vaud, anche in Olanda)
 
     
  D'azzurro, alla fascia d'oro, carica di una casa di nero, aperta del campo, accompagnata in capo da una crocetta e da una stella (8), in punta da una stella (8) e una crocetta, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  D'azzurro, alla fascia d'oro, carica di un castello di due torri, di rosso, accompagnata in punta da un fiore a quattro petali a destra e da una stella (8) a sinistra, il tutto d'argento
[Rietstap]

Bolomier   signori di Bolomier, Nercy, Villars

(Guillaume, Vice Cancelliere di Savoia, 1444)

     
  Di rosso, al palo d'argento
     
  D'oro, al palo d'azzurro
[alias in Annuaire de la Noblesse de France, 1843, Bibliothèque nationale de France]

Bongain
(dal Belley, a Chambéry e nel Faucigny)
  signori di Le Neyrey, Le Rosey, Rozières
     
  D'azzurro, a quattro fasce d'oro
     
  D'azzurro, a due gemelle in fascia, d'oro
     
  Fasciato d'argento e d'azzurro, di otto pezzi
     
    motto: BONUM MIHI PRO DEO PATRIA ET PRINCIPE MORI LUCRUM

Bonnevaux  
     
  D'azzurro, al semivolo d'oro
[SCB]

Bonivard (de)
(di Chambéry)
  signori di Avully, La Barre, Grailly, Lompnes, St. Michel des Déserts
     
  D'oro, alla croce di nero, carica di cinque conchiglie d'argento
[È l'arma dei de Grailly, adottata quando fu comprato il feudo omonimo nel paese di Gex]
     
1

Bonnier
  signori di Bomport, Piè di Lirano
     
  ARMA IGNOTA

Bons (de)
(del Chiablese, in Svizzera, Olanda e Francia)
  signori di Bons
     
  D'azzurro, al cervo passante d'oro
[arma antica, secondo SDF; D. L. Galbreath, Armorial Vaudois, vol. 1]
     
  D'azzurro, al cervo rampante d'oro, sostenuto da un colle di tre cime di verde, uscente dalla punta dello scudo
[GGM, VMA, CJB]

Bonvillard (de)
(de Bonvillars)
(dal cantone di Vaud, in Savoia)
  signori di Bonvillard, Champremont, Mezières, Villardagnon
     
  D'argento, a tre gemelle di rosso, poste in fascia
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  Di [...], a tre gemelle di [...], poste in fascia, con il lambello di [...], attraversante in capo
[sigillo apposto all'atto con cui Jean de Bonvillard riconosce di tenere in feudo dal conte Filippo di Savoia il luogo di Mezières, 1279, Archivio di Stato, Torino]
     
  Fasciato d'argento e di rosso
[SDF, da Besson]
     
  D'argento, allo scaglione d'azzurro, con il capo del primo, carico di tre stelle del secondo, poste in fascia
[VMA e A. de Mandrot, Armorial historique de Neuchâtel]
     
    motto: AUX HAZARDS BONVILLARS

Bonzon
(del cantone di Vaud)
 
     
  (i Bonzon di Pompaples)
Di rosso, al colle di tre cime di verde, sostenente due trifogli dello stesso, e sormontato in capo da un giglio d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]
     
  (i Bonzon di Ormont Dessous)
Di rosso, al colle di tre cime d'oro, sostenente due trifogli di verde, e sormontato in capo da un giglio d'oro
[François J. Rappard, Armorial vaudois]
     
  (i Bonzon di Arnex)
D'azzurro, al colle di tre cime di verde, sostenente due trifogli d'argento, con il giglio d'oro, posto tra i due steli dei trifogli
[François J. Rappard, Armorial vaudois]

Boquis
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'argento, all'aquila di nero
[VMA]

Bordeaux (de)
(Bordeau, Bourdeau)
(di Bourdeau, sul lago del Bourget)
  signori di Breyssieu (Breyssy), Broissy, Les Granges
     
  ARMA IGNOTA

Bordeaux
(dall'Ariège, a Thonon)
 
     
  Di rosso, a tre merletti d'argento, 2, 1
[CJB. Questa è anche l'arma dei de Bordeaux della Normandia (Hozier) e dei Bordeaux de Neuville (Rietstap)]
     
    motto: MON BORD D'EAU

Bordes (de)
(da Cerdon)
  signori di Le Châtelet
     
  Troncato, al 1° d'argento, al cavallo di rosso, bardato e impennacchiato d'oro, nascente dalla partizione, al 2° di verde, alla rotella di sperone, d'oro
[Patenti 1582 e FVE]
     
  Di verde, alla rotella di sperone (8), d'oro, con il capo d'oro, carico di un cavallo, di rosso, nascente dalla partizione
[BBG e SCB. In Rietstap c'è un troncato al posto del capo, la rotella è d'argento e non ne sono specificate le punte]
     
    motto: GRATUS HONORE LABOR

Bory
(di Coppet)
 
     
  D'azzurro, al colle di tre cime, somontato da un pentangolo, il tutto d'argento
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois, vol. 1]

Borré
(Charrost Borré)
  conti de La Chavanne
     
  D'azzurro alla barra d'argento, accompagnata da due stelle dello stesso
     
    motto: TOUJOURS FIDÈLE

Boson
(Bosson)
(della Tarantasia, anche nel Paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, alla torre d'argento, sormontata da un giglio d'oro
[SCB, CJB e François J. Rappard, Armorial vaudois]

Bosson
(di Apples)
 
     
  D'azzurro, alla campana d'argento
[VMA]

Bossonens (de)
(del cantone di Friburgo)
  (le armi indicate nei due testi di Mandrot sono assai simili a quelle dei Grandson de la Sarraz, signori di Bossonens: potrebbe trattarsi dunque della stessa famiglia)
     
  Palato d'oro e d'azzurro, con il capo del secondo, carico di tre speronelle del primo
[VMA]
     
  Palato d'oro e d'azzurro, con il capo di rosso, carico di tre stelle d'oro
[A. Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg]
     
  D'azzurro, a due pali d'oro, con il capo di rosso, carico di tre stelle d'oro
[A. Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg]

Bottens (de)
(di Bottens)
  signori di Bottens, Corcelles
     
  Di rosso, alla banda d'argento, carica di un leone passante di nero
[VMA]

Bouchard
(della Bressa)
  signori di Domessin, La Vernée, Montdragon, Montfleury
     
  D'azzurro, al drago d'oro
[BBG e FVE]

Boudard
di Moutiers
 
     
  D'azzurro, alla testa di bue d'oro, sormontata da un dardo dello stesso, in fascia
[FVE]
     
    motto: ICTU PRAEVISO

Bougie
(Bougy, Bogis)
(del Genevese e del Paese di Vaud)
 
     
  Di rosso, al cuore d'oro, sostenente una croce latina d'argento, addestrata in capo da una stella (6), d'oro
[GGM]
     
  Di rosso, al cuore sostenente una croce latina, e addestrato da una stella, il tutto d'oro
[D. L. Galbreath, Armorial vaudois]

Bougy (de)
(del Paese di Vaud)
 
     
  D'azzurro, a tre rose d'oro, poste in palo
[VMA]

Boulens
(Bolens)
 
     
  D'azzurro, alla banda d'argento, carica di tre stelle del campo, accostata da due cuori, d'oro
[CJB]

Bourbonge  
     
  Fasciato d'azzurro e d'argento, di dieci pezzi
[SCB]

Bourdigny (de)
(del Genevese)
  (famiglia nobile con memorie dal XV secolo)
     
  ARMA IGNOTA

Bourg (du)
(della Bressa)
  signori di Argit en Dombes, Montgrillet, Sainte Croix
     
  D'azzurro, al drago anfittero d'oro
[BBG]

Bourgeois
de Verny
  signori di Billiat, Cessy, Fernay, Léaz, Verny
     
  D'azzurro, al drago d'oro, armato e linguato di rosso
     
  Di rosso, al drago d'argento
[SCB]
     
  spesso il drago è rappresentato senza le zampe posteriori, cioè amphiptère
[Cigna Santi]
     
  [CJB]

Bourgeois
La Pallud
 
     
  Di rosso, alla banda d'oro, con il capo d'argento
[SCB]

Bourgoin  
     
  Di rosso, alla torre d'argento, accostata da due leoni d'oro, controrampanti
[SCB]

Boutellier (de)
  signori di Bohen, Dingy, Les Hautards, Servoz
     
  D'azzurro, a tre bottiglie d'oro, accollate di rosso, 2, 1
[In SCB le bottiglie sono tutte d'oro]
     
    motto: BEL OUVRAGE LUI MERITE

Boutière (La)
 
     
  D'azzurro, alla fascia, accompagnata da tre crescenti 2, 1, il tutto d'argento

Bouvard
(d'Annecy)
 
     
  Di verde, all'ancora d'oro, con il capo d'azzurro, cucito, carico di un sole d'oro, accostato da due stelle d'argento
[SCB. In CJB l'ancora ha solo le marre]

Bouvens (de)
  conti di Bouvens, Sampeyre (infeudazione poi revocata); signori di La Balme, Châtillon en Michaille, Ciries, Curtafey, Murinens
     
  Di rosso, alla croce dentata, d'argento
     
    motto: PLUS N'EST POSSIBLE

Bouvier
(dal Bugey, in Savoia)
  baroni di Yvoire; consignori di Allamand, Cinquantod, Hons, Lugrin, Thollon
     
  Di rosso, alla fascia d'argento, accompagnata da tre scudetti dello stesso, 2, 1
     
    motto: FESTINA LENTE

Bovairy
 
     
  D'azzurro, a tre corone d'oro
[SCB]

Bovet
(Bouvet)
(della Tarantasia)
  signori di Rochefort
     
  D'azzurro, a tre torelli passanti, d'oro, disposti in palo

Boysset
 
     
  D'azzurro, a tre spighe d'orzo, d'oro
[SCB]

Boyvert
 
     
  D'oro, alla banda d'azzurro
[SCB]

Bozel
  signori di Bozel
     
  (i Bozel della Val d'Aosta)
D'azzurro, al toro d'oro

Brachet
(d'Annecy)
 
     
  Di rosso, al cane bracco seduto, d'argento
[SCB]

Bracorens (de)
(del Faucigny)
  conti di Rochefort, Salins; visconti di Moriana; signori di Bracorens, St. Laurent de la Côte, Savoiroux
     
  D'azzurro, al palo d'oro carico di tre conchiglie di nero
     
    motto: LENITER ET OPERE SADO

Braisa
 
     
  D'azzurro, accantonato da quattro crocette d'argento, con il capo d'oro, carico di una stella di rosso
[SCB]

Breise
(Breysaz)
  (antica famiglia nobile del Chiablese)
     
  D'oro, a quattro crocette, di rosso, 2, 2, accompagnate in capo da una stella, dello stesso
[CJB]

Bréssieux (de)
(de Bréssieu)
(del Delfinato)
  (Aymard de Bressieux presta omaggio ad Amedeo V di Savoia, 31.8.1317)

baroni di Bréssieux

     
  Di rosso, a tre fasce di vaio
[Gustave de Rivoire de La Bâtie, Armorial du Dauphiné]

Breuille (de la)
(da Chambéry)
  (famiglia con memorie dal XVII secolo)
     
  D'azzurro, alla spada d'argento, alta in palo, guarnita d'oro, addestrata da una stella e sinistrata da un crescente, il tutto d'argento
[FVE]
     
    motto: NOCENTIOREM FUGAT

Breul
de Sacconay
  baroni di La Bâtie, Chavagnat, Chenavel, Ile de Barrioz, Langes; signori di Barmet, Châtelard sur Cordon, Corlier, Sacconay
     
  D'oro, al grifone d'azzurro
     
  Inquartato, al 1° e 4° di Breul, al 2° e 3° fasciato d'oro e di rosso, all'aquila d'azzurro, coronata d'argento, attraversante (de Chatard)
[BBG, SCB, FVE]
     
    motto: CELARE DIVINUM OPUS

Briard (de)
(del Paese di Vaud)
  signori di Neptia
[citato in http://www.davel.vd.ch/qfpdavel/435/F2175353.PDF]
     
  ARMA IGNOTA

Brie
de la Brochardière
  signori di Brochardière, Lordres
     
  D'azzurro, all'alabarda d'oro, in palo, il ferro d'argento, con il capo di rosso, cucito

Brière
(del Genevese)
  signori di Marthoray
     
  Troncato d'azzurro e di rosso, al leone troncato d'oro e d'argento, tenente con le branche anteriori un ramo d'erica, al naturale, e sostenuto da una terrazza di verde
[GGM. In Rietstap il leone è accompagnato nel cantone destro da un sole nascente d'oro]

Brière
(del Paese di Vaud)
 
     
  Troncato d'azzurro e di rosso, al leone troncato d'oro e d'argento, sostenuto da una terrazza di verde
[VMA]

Briord (de)   signori di Allamand, Grésin, Villard; consignori de La Serraz
     
  D'oro, alla banda di nero

Broces (de)
  signori di Broches
     
  D'argento alla banda di rosso, carica di tre stelle del campo

Brotty d'Antioche
  conti di Brotty d'Antioche; signori di Messery, Nernier
     
  Di rosso, a tre decusse scorciati, d'argento, 2, 1
     
  Di rosso, a tre decusse scorciati, d'argento, 2, 1, con un crescente, dello stesso, in abisso
     
  D'azzurro, a tre decusse scorciati, d'oro, 2, 1

Bruel (de)
(del Genevese)
  signori di Crassier; consignori di Dardagny
     
  D'argento, alla croce di nero, carica di cinque foglie del campo
[GGM. Secondo alcuni autori, la croce è d'azzurro]
     
  (i de Bruel del paese di Vaud, forse parenti dei precedenti)
Inquartato, al 1° e 4° d'azzurro, al decusse scorciato d'argento, sormontato da un lambello d'oro, al 2° e 3° di rosso, alla croce d'argento
[VMA]
     
  (i de Bruel del cantone di Friburgo)
Inquartato, al 1° e 4° d'argento, alla croce d'azzurro, carica di cinque foglie del campo, al 2° e 3° di rosso, al decusse d'argento, sormontato in capo da un lambello, di nero
[A. de Mandrot, Armorial historique du Canton de Fribourg]

Brun
  conti di Cernex; signori di Andilly
     
  D'azzurro al sole d'oro, con la fascia di nero attraversante

Brunet
  baroni di Saint Jean d'Arves
     
  D'azzurro, allo scaglione d'argento, accompagnato da tre stelle d'oro, 2, 1

Brunet
  signori di Sainte Hélène du Lac
     
  D'azzurro, allo scaglione d'oro, accompagnato in capo da due stelle dello stesso, in punta da un'aquila d'argento, beccata di rosso, nascente
     
  D'oro, allo scaglione di rosso, accompagnato da tre stelle, d'azzurro, 2, 1
[SCB]

Brunet
  signori di Doucy
     
  D'azzurro, a tre stelle, 2, 1, sormontate da una croce, il tutto d'oro
[SCB]

Brunier
  signori di Malagny
     
  D'oro, al leopardo di porpora, accompagnato in punta da una losanga d'azzurro, con il capo dello stesso carico di due losanghe del primo

Brunier
(di Annecy)
 
     
  D'oro, a due cuori accollati, di rosso, sormontati da un crescente, d'azzurro
[SCB]

Brunod
(di Annecy)
 
     
  Di rosso, a tre besanti, d'argento, 2, 1
[SCB]

Bruyset
(del Bugey)
  (vedi anche Blasonario Subalpino)

signori di Cornas (Onas?), Saint Porcher, Sure

     
  D’azzurro, a tre punte coricate una sull’altra, moventi dal fianco sinistro, con tre bisanti, pure d’oro, ordinati in fascia e nella punta, con il capo d’argento, carico di tre puntali di spada, di rosso, ordinati in fascia
[BBG, SCB, De Tillier, FVE]
     
  D’azzurro, a tre bisanti d’oro, crociati di nero, sormontati da tre campani, pure d’oro, ordinati in fascia, quello di mezzo più grande, con il capo d’argento carico di tre puntali di spada di rosso, ordinati in fascia
[Manno]
     
motto: FIDELI OBSEQUIO

Buaz
(di Annecy)
 
     
  D'azzurro, allo scaglione d'argento, accompagnato da tre stelle d'oro, 2, 1
[SCB]

Budé (de)
(francesi, anche nel Paese di Gex)
  baroni di Montfort; signori di Boisy, Ferney; consignori di Balleyson
     
  D'argento, allo scaglione di rosso, accompagnato da tre grappoli, d'azzurro

Budos
 
     
  D'azzurro, a tre bande d'oro
[SCB]

Buel
 
     
  D'oro, alla croce di nero, carica di cinque conchiglie, d'argento
[SCB]

Buenc (de)
  signori di Beaurepaire, Buenc, Châtillon, Chenavel en Bugey, Mirigna
     
  D'azzurro, a tre pali, d'oro
     
  D'azzurro, a due pali, d'oro
[BBG e SCB]

Bullion (de)
  signori di Berins, Mons
     
  D'oro, al capo d'azzurro, carico di tre stelle, d'oro
[BBG e SCB]

Burdin
(da Annecy)
 
     
  Fasciato d'azzurro e d'oro, di quattro pezzi, con il capo d'argento, carico di un crescente, accostato da due stelle, il tutto di rosso
[SCB]

Burges   signori di Le Solier
     
  Di nero, alla croce ancorata d'oro
[SCB, FVE]

Burquier
(da Annecy)
 
     
  D'oro, alla banda di rosso, carica di tre crescenti d'argento, accompagnata in capo da una crocetta, pure di rosso
[SCB]

Busillet (de)
  signori di Meximieux, La Rivière
     
  Inquartato d'argento e di nero, con il capo d'oro

Bussy   signori di Brion, Bussy, Chanay en Michaille, Erya
     
  Inquartato d'argento e d'azzurro
     
1 motto: ENCORE NE ME TENEZ

Buttet (de)   baroni di Le Bourget; signori di Malatrait e Monduret, la Tour, Tresserve; consignori di Châteauvieux, Épagny
     
  Di nero a tre rosole da maniscalco d'oro, intrecciate, due in decusse, una in palo
     
    motto: LA VERTU MON BUT EST
DIEU SEUL MON BUT EST [FVE]

pagina seguente


al Blasonario Subalpino


Ultimo aggiornamento 25 Giugno 2015
Creato e mantenuto da Federico Bona
Copyright © 1999-2015 Federico Bona