Stemmario fotografico

Armi di alcuni cavalieri gerosolimitani piemontesi



Nella preparazione di questa sezione, mi sono stati di grandissima utilità
l'articolo di Luisa Clotilde Gentile Note di emblematica giovannita, le insegne dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, Archivium Heraldicum, 2004-II e il volume Gentilhuomini Christiani e Religiosi Cavalieri, a cura di Tomaso Ricardi di Netro e Luisa Clotilde Gentile, Torino, 2000



Tommaso Ulitoto
(morto nel 1417)

Precettore di Moncalieri, Casale Monferrato e Chieri

Museo Civico di Chieri (To)

D'azzurro, alla croce accantonata da quattro gigli, il tutto d'oro


Giorgio di Valperga
Priore di Lombardia (1446-1467)
castello in località La Rotta, presso Moncalieri (1456)
Fasciato d'oro e di rosso, alla pianta di canapa d'argento, sradicata, attraversante
[la croce dell'Ordine è spostata sul cimiero]
(Gentile concessione e © copyright di Giorgio Domenico Rossi)


Giorgio di Valperga
Priore di Lombardia (1446-1467)
oculo in terracotta con angelo reggente lo stemma
complesso di San Pietro in Consavia, Asti
Fasciato d'oro e di rosso, alla pianta di canapa d'argento, sradicata, attraversante


Arma non identificata
XV secolo, chiesa Collegiata di San Secondo, Asti
Di [...] a due bande di [...], con il capo dell'Ordine


Tommaso Provana
(morto nel 1499)

Precettore della Motta e di Janson, già Capitano del castello di San Pietro di Bodrum

Istituto Archeologico del Dodecaneso, Rodi

Inquartato, al 1º e 4º di rosso, alla colonna d'argento, coronata d'oro; al 2º e 3º d'argento a due tralci di vite di verde fruttate di porpora (nero?), decussati e ridecussati; con il capo di rosso, alla croce d'argento


Simonino Provana
(morto nel 1503)

Commendatore di Chieri

Città di Chieri,
dalla Commenda di San Leonardo

Inquartato, al 1º e 4º di rosso, alla colonna d'argento, coronata d'oro; al 2º e 3º d'argento a due tralci di vite di verde fruttate di porpora (nero?), decussati e ridecussati; con il capo di rosso, alla croce d'argento


Fonte battesimale del 1503 con stemmi della famiglia Tana e di
Tommaso Tana
(morto nel 1503 combattendo contro i Turchi)
Duomo di Chieri (Torino)
Troncato d'azzurro e d'oro, il 1º a tre stelle, ordinate in fascia, il 2º a tre stelle, 2 e 1, il tutto dell'uno nell'altro

[In una delle facce della tazza lo stemma Tana è sormontato dal capo dell'Ordine]

Giovanni Parpaglia
(morto nel 1509)
Precettore di San Giovanni di Quargnento, commendatore di Acqui,
precettore di Oviglio, commendatore di Torino,
Conservatore generale
Porticato del cortile centrale del palazzo del Gran Maestro in Rodi
D'argento, al leone di rosso, con il capo di rosso, alla croce d'argento

(Gentile concessione e © copyright di www.brescialeonessa.it)

Emanuele Piossasco di Airasca (1513)
Ammiraglio dell'Ordine, 1529-1530
Istituto Archeologico del Dodecaneso
D'argento, a nove merli di nero, 3, 3, 2, 1, con il capo di rosso, alla croce d'argento

Costanzo Operti (1517)
Ammiraglio dell'Ordine, 1513-1515
priore di Lombardia, 1517-1525
Istituto Archeologico del Dodecaneso
Di rosso, al mastio addestrato da una torre d'argento, con il capo di rosso, alla croce d'argento


Fabrizio Del Carretto
Gran Maestro dell'Ordine, 1513-1521
Inquartato, dell'Ordine e d'oro, a cinque bande di rosso

Armi dell'Ordine,
del Gran Maestro Fabrizio Del Carretto
e del capitano del castello di San Pietro
F[rater] CORNELIVS DE HABROVCI
Castello di San Pietro, Bodrum, 1518


Pietrino Ponte
Gran Maestro dell'Ordine, 1534-1535

Inquartato, dell'Ordine e d'argento, alla croce di Sant'Andrea di rosso

ritratto del Gran Maestro Pietrino Ponte


Alessandro Sforza di Santafiora
Priore di Lombardia, 1537-1546
Fonte battesimale, complesso di San Pietro in Consavia, Asti
D’azzurro al leone d’oro, linguato di rosso, tenente con le zampe anteriori un ramo di cotogno, di verde, fruttato d’oro


Ascanio Cambiano
Ammiraglio dell'Ordine, 1602
Di rosso, alla banda d'azzurro orlata d'oro, carica di tre scudetti pure d'oro, con il capo di rosso, alla croce d'argento


Vasino Malabayla (?)
Luogotenente dell'Ammiraglio, 1606
riproduzione del perduto scudo davanti all'altare di patronato dei Malabayla,
Chiesa dei Domenicani, Asti
Troncato cuneato di quattro pezzi, di rosso e d'argento, caricato in capo di una crocetta a otto punte [d'argento?]


Francesco Bernardino Barba
Ammiraglio dell'Ordine, 1617
D'azzurro, all'albero al naturale, con il capo di rosso, alla croce d'argento


Giovanni Paolo Lascaris di Castellar
Gran Maestro dell'Ordine, 1636-1657
Cattedrale di San Giovanni, La Valletta, Malta
D'oro, all'aquila bicipite, di nero, coronata (d'oro) sulle due teste


Flaminio Balbiano
Ammiraglio dell'Ordine, 1650
Di rosso, al barbio coronato d'oro


Angelo Felice Cacherano di Osasco
Ammiraglio dell'Ordine, 1735
Priore di Lombardia, 1737-1748
Inquartato, al 1º e 4º, d'oro all'aquila coronata di nero; al 2º e 3º, di rosso a tre monticelli d'argento, ristretti, sostenuti da un breve dello stesso, svolazzante in fascia, carico del motto "Mit Zeit", in minuscolo gotico, ciascun monticello carico di una pianta di semprevivo, al naturale; con il capo di rosso, alla croce d'argento; e sul tutto, fasciato ondato innestato, d'argento e di nero



Stemmario fotografico - pagina precedente


al Blasonario


Ultimo aggiornamento 14 Luglio 2011
Creato e mantenuto da Federico Bona
Copyright © 1999-2014 Federico Bona